Bravi Bimbi > I Diari delle mamme > Diari in archivio 2009 > Il diario di Giuli > La mia esperienza di inseminazione artificiale

La mia esperienza di inseminazione artificiale

Scritto da Giuli il 18 novembre 2008

Prima di tutto ringrazio tutti x la splendida accoglienza siete veramente fantastici. Barbapapà mi ha chiesto di parlare della mia esperienza riguardo l’inseminarione ed eccomi qui.

Io e mio marito stiamo insieme da circa 10 anni, non abbiamo cercato subito una gravidanza ma non abbiamo mai fatto nulla per evitarla x questo qualche sospetto che potesse esserci qualcosa che non andava c’era ma non potevamo  esserne sicuri. Ci siamo sposati 6 anni fa e dopo qualche tempo ci siamo rivolti ad un centro di fertilità. Ho cercato un centro che non fosse privato, non per una questione economica ma x una convinzione mia personale e l’ho trovato quasi immediatamente nonostante 6 anni fa erano ancora pochi i ginecologi che si occupavano di questo problema negli ospedali pubblici.  Negli anni che ho frequentato i centri di fertilità e riproduzione assistita ho conosciuto moltissime coppie le quali erano fuggite dai centri privati con la sensazione di essere stati presi in giro e di aver perso tempo.

Presi un appuntamento e lo ottenni quasi immediatamente. Essendo un centro di un ospedale pubblico vi si accede con richiesta del medico e pagando il tiket che equivale ad una qualsiasi visita.Il primo colloquio andò molto bene ci tranquillizzarono. Non ci fecero fare molte indaggini ma si fidarono delle diagnosi già fatte da altri, solo mio marito fu sottoposto ad ulteriore visita andrologica, altro tiket. Iniziò cosi la nostra avventura. Il primo giorno del ciclo chiamai x iniziare la terapia e il monitoraggio dell’ovulazione. la terapia consiste in punture sottocutanee di ormoni che vanno a stimolare la maturazione dei follicoli farmaci fortunatamente dispensati dal SSN con richiesta medica altrimenti il loro costo è di circa 800euro. Il monitoraggio dell’ovulazione non è altro che una serie di ecografie transvaginali x controllare e monitorare la maturazione del follicolo, richiesta del medico e tiket di 36euro che comprende 5o6 ecografie da fare nell’arco dei 12/14 giorni di stimolazione. Non sempre la stimolazione va a buon fine poichè se il dosaggio del farmaco non è corretta si ha il rischio di iperstimolare o di non stimolare affatto in entrambi i casi va sospeso tutto e rimandato al ciclo successivo. In 4 anni siamo riusciti ad effettuare 4 inseminazioni intrauterine. Quest’ultima è la più semplice e banale, consiste infatti nell’introduzione di sperma attraverso un sondino direttamente nell’utero. Al mattino si consegna lo sperma che viene sottoposto ad analisi ed in tarda mattinata viene inserito in utero. I costi sono tiket x spermiocoltura circa 13 euro e tiket x inseminazione 36euro. Anche se i tentativi sono stati solo 4 ogni mese io ero sottoposta a stimolazione cioè mi bombardavo di ormoni, tutto ciò mi ha regalato circa 20kg e una situazione invivibile a casa ero sempre nervosa non sopportavo nulla tutto ciò che mio marito faceva o diceva mi urtava ogni cosa era motivo di discussione, poverino ha dovuto sopportare veramente troppo. Così arrivo la decisione di fermarci x dimagrire e rilassarci. Nel frattempo contattai un altro centro di riproduzione assistita dove presi un appuntamento. La prima volta che siamo andati a fare la visita in questo nuovo centro era  marzo  del 2007, ci rivoltarono letteralmente come calze e ci misero in lista d’attesa di circa 1 anno. Durante questo anno ci sottoposero a numerose visite ed esami con un costo di circa 700euro. Esattamente un anno dopo ci chiamarono x fare il punto della situazione e darci il fatitico appuntamento giugno 2008. Per non annoiarvi troppo vi descriverò questa seconda parte nel prossimo articolo nel quale parlerò di altri 2 tipi di inseminazione la FIVET e la ICSI.

Un grosso bacio a tutti alla prossima.  





 

Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Il diario di Giuli» e tag «, ».

Commenti

1.780 commenti a “La mia esperienza di inseminazione artificiale

  1. Si capisco… Anche io molto tesa. Ho molto alti e bassi di umore ma vabbe. Per ora devo aspettare una risposta per la ICSI, se ci prendono o meno. Ci vorra un paio di mesi per avere una risposta credo. Tu a che punto sei?

  2. io a giugno dovrei fare una icsi l altra volta interrotta x l estradiolo basso pur essendo in iperstimolazione(caso rarissimo)la mia paura piu’ grande è non riuscire nemmeno stavolta almeno a farla questo mi porterebbe una depressione totale

  3. Già è vero che tu avevi avuto quel problema dell’iperstimolazione!
    Capisco la tua ansia….
    Purtroppo non resta che aspettare e vedere… Ma l’attesa e il non controllo sugli eventi è davvero una tortura!
    Io spero di essere “ammessa” alla PMA. Sennò, proverò cliniche private!

  4. Non lo so, magari mi dicono di continuare con la IUI. Ho 26 anni e potrebbero ritenere che ho qualche possibilità con la IUI. Però la mia endometriosi e gli spermini di mio marito ci rendono candidati ammissibili… Vedremo.
    Non voglio continuare con la IUI perché abbiamo poche probabilità di riuscirci e io poca forza mentale di crederci tutte le sante volte!
    Vedremo…

  5. sara x me le uil sono inutili perche’ è come un rapporto normale secondo me quindi ti consiglio di avere rapporti piu’ volte che ppuoi hahahahacerto che ti ammetteranno e visto la tua giovane eta’ resterai subito incinta sono certa.ragazze leggete il libro “le difettose” parla di noi bellissimo anche se u po’ triste ma molto reale

  6. Sono del tuo stesso parere… Le IUI sono inutili. Per quanto riguarda i rapporti…ammettendo anche il miracolo di uno spermino lento che si decide ad arrivare fino in fondo… Mio marito ed io viviamo a distanza per il momento. Io sono all’estero per lavoro e ci vediamo ogni 15 giorni :(
    Ragione in più per fare la ICSI.,. Non ce la faremo mai sennò!
    Spero che l’età aiuti,se la faremo, almeno un po’… Ho tremendamente paura del fallimento.
    In questo periodo sono proprio giù guarda…. L’attesa mi uccide.
    Cercherò il libro che suggerisci. Di chi è? Così chiedo a mio marito di comprarmelo e di portarmelo quando viene qui.
    Bacio

  7. il libro l ho prestato e non ricordo l autrice io ricordo solo i titoli ma non sara’ difficile trovarlo penso sia unico come genere.anche io sono nervosa ancor di piu’ ora che mio marito sta avendo problemi con il lavoro e l idea del privato x ora è abbandonata,infatti ho deciso di mettermi in lista da ora anche in altri centri convenzionati bisogna essere realistici.anche perche’ alcuni comportamenti dekmio dottore non mi piacciono,anche se come dice mio marito devo rassegnarmi all idea che x loro siamo solo numeri

  8. Mi spiace per tuo marito. Immagino sia dura cavoli!
    È vero che questa esperienza è ancora più difficile perché solo tu capisci davvero quanto sia importante e doloroso mentre spesso il corpo medico con cui interagisci ti tratta come un numero qualsiasi. Delle volte, potendoselo permettere, il privato( serio) è meglio da questo punto di vista perché sei un cliente e ti trattano come tale. A volte devi pagare per non essere un numero.
    Ho trovato il libro su internet.
    Qui dove sono io è un piccolo stato, e ho la speranza che l’attesa non sia enorme.
    Ho guardato già i prezzi a Praga. Vedremo. Un passo alla volta.
    Sai non vedo l’ora di iniziare, un po’ anche per incontrare donne nella mia situazione e magari condividere, poter parlare con persone che ti capiscono.
    Questo percorso mi sta portando tanta solitudine….

  9. io tranne che x mio marito sono sola.ma mi sono sentita sempre cosi anche da piccola la mia famiglia è troppo diversa da me,io sono complicata chiedo parole e abbracci e loro sanno solo fare cose per te ma vivono nell omerta’,non aprono l argomento o se ne parlano è per u ottimismo che io trovo illogico.da quando mia sorella è morta è anche peggio abbiamo cosi sofferto tutti che infondo compresa io siamo stanche di soffrire x altro.uno cosa nella mia mente cmq è chiara non saro’ mai carne da macello x i dottori non ci provero’ fino alla morte

  10. È molto importante potersi dare un limite. Per il momento non ho ancora preso in conto la via dell’adozione. Con la mutua abbiamo 4 tentativi. Se dovessero fallire tutti, se ne abbiamo ancora le forze, potremmo fare 1 o 2 tentativi in privato. Ma è tutto da vedere.
    Tornando alla solitudine, i miei amici o le mie amiche sono persone che per ora non ci pensano nemmeno lontanamente ai figli( quindi un po’ difficile parlarne… Fanno ancora quasi la vita da universitari) e quelli più ” grandi” che hanno figli, beh li hanno avuti tutti per fortuna, al primo tentativo. Tutti mi dicono, sei giovane, pensa a divertiti, prima o poi arriverà. Ma questo bambino mio marito( che ha 43 anni) ed io lo vogliamo tanto. Oggi un mio amico è diventato papà e leggendo il suo messaggio ho pianto di gioia e mi dico che se mi commuovo così tanto per i figli degli altri, se un giorno ho la fortuna di averne di miei…. Piangerò per giorni :))))

  11. ciao ragazze ci sono anche io ancora mi dovete scusare se non mi sono fatta viva ma a volte non ce la faccio nemmeno a dirvi qualcosa,ma però vi leggo sempre!!!!!!!!!!!!!!!!!quando vi leggo mi fate una tenerezza non immaginabile però poi mi rendo conto che ci sono anche io in queste situazioni che non auguro nemmeno al mio più grande nemico,piango piango ma alla fine che concludo??????niente!!!!!ogni mese che passa speri che il grande sogno si avveri ma poi ti accorgi che è solamente un illusione………..e penso che forse non me lo merito di essere mamma anche io.

  12. Ciao Gessy,
    Certo che te lo meriti anche tu di essere mamma.
    È dura… Molto ma vabbe… Va così.
    Sono preoccupata… Non ho più avuto notizie di Patty! Spero vada tutto bene!
    Abbraccio

  13. ciao a tutte ce qualcuno che ha fatto fecondazione in vitro e le va di parlarne con me, grazie tante

  14. ciao sarah grazie di avere risposto ma ce un modo per parlarci meglio? tu hai fb se ti va ci diamo il contatto e ci diciamo tutto quello che sto facendo per fecondazione fammi sapere ciao

  15. Ciao a tutte mi sono appena iscritta, vi voglio raccontare la mia esperienza, sperando di dare speranze a tutte voi , ero sposata da un pò di anni e i bambini niente non arrivavano, decisi di andare con mio marito al policlinico di napoli ( dott. strina) dopo una lista d’attesa feci l’ icsi dopo 20 giorni feci le beta ed era positiva, ho portato avanti la gravidanza fino alla fine, dopo circa 6 anni dalla prima gravidanza ritornai al policlino rifeci tutta la prassi e rifeci un’altra icsi e per mia fortuna anche questa è andata bene, ora ho 2 splendide figlie , e se potrei rifarei un’altra prova ma come sò io al policlino fanno solo 2 icsi nel bene e nel male, auguri a tutte voi.

  16. buona sera a tutte care ragazze volevo un consiglio da tutte voi , sono felicemente sposata da 7 anni con un uomo splendido che amo il nostro sogno e poter avere un figlio ma purtroppo mio marito in seguito a una malattia da bambino e sterile al 100 percento ,noi siamo consapevoli di aver bisogno di un donatore ma mio marito vorrebbe sapere se qualcuno della sua famiglia puo essere il donatore, se esiste un centro dove accolgano insieme alla coppia il donatore o se deve rimanere per forza anonimo spero qualcun di voi mi possa rispondere vi ringrazio in anticipo buona serata

  17. in italia la donazione di sperma non è consentita,ti consiglio praga che è economica.io credo se mi posso permettere che meglio che il donatore sia anonimo un parente vedrebbe sempre quel bimbo come figlio invece cosi’ è vostro e basta

  18. Ciao a tutte!

    Io ho fatto inseminazione artificiale in Italia 2 anni fa e, purtroppo, l’esperienza è stata fallimentare. Io e mio marito siamo dovuti ricorrere all’estero, al Fertility Center di Iraclion a Creta, in Grecia, dove ho fatto embriodonazione a fresco (mi hanno trasferito 4 embrioni).
    Il mese scorso è nata la mia bambina e per me è stato un miracolo. Ancora non riesco a crederci!
    Sono soddisfatta della professionalità dei medici del Centro. Mi hanno seguito passo dopo passo e parlano anche italiano.
    Io lo consiglio a tutte.

  19. Ciao Simona Nuti e un saluti a tutte/i,

    anche io sono stata al Fertility Centre di Heraklion, a Creta, 2 anni fa e mi sono trovata benissimo.
    Ho fatto ovodonazione e sono mamma di un bimbo meraviglioso che ha compiuto di 1 anno da poco!

    Quello che mi ha impressionato del Centro è stata la gentilezza dei medici, la bravura, il fatto che parlassero in italiano (io non parlo nessuna lingua straniera) e la chiarezza.
    Mi hanno organizzato anche il viaggio e rispondevano a tutte le email prima che andassi da loro.
    Poi i prezzi sono decisamente più bassi di altri centri, soprattutto di quelli della Spagna.
    Lo consiglio a tutti!
    Lucrezia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2008 Bravi Bimbi   |   sito web: Studio LOST