Bravi Bimbi > I diritti dei genitori > I permessi di allattamento

I permessi di allattamento

Scritto da barbapapa il 02 luglio 2008

I permessi di allattamento (o riposi giornalieri) sono dovuti alla mamma lavoratrice dipendente, dopo che ha ripreso l’attività lavorativa al rientro dalla maternità fino al concepimento del primo anno di vita del bambino.

La mamma ha diritto a due ore retribuite di astensione dal lavoro per consentire all’allattamento del bebè (anche se viene allattato artificialmente).
Tali ore possono essere prese in modo intero (entrando due ore dopo o uscendo due ore prima) oppure in modo frazionato (un’ora in entrata ed una in uscita).

E il papà? Se la mamma non si avvale di questo diritto, ne può usufruire il papà (purchè lavoratore dipendente).
Al papà però non spettano i permessi giornalieri se la donna è casalinga.

Chi lavora part-time ne ha diritto in misura ridotta: se la mamma svolge un lavoro inferiore alle 6 ore giornaliere, le spetta un’ora di astensione al giorno.
In caso di gemelli, i permessi raddoppiano (al massimo 4 ore).

SCHEMA RIASSUNTIVO:

  • 2 ore di permesso se l’orario di lavoro superiore alle 6 ore giornaliere; 1 ora se l’orario è inferiore;
  • In caso di parto plurimo (parto gemellare ad esempio) le ore di permesso sono raddoppiate;
  • La distribuzione delle ore di riposo durante la giornata deve essere concordata tra la madre ed il datore di lavoro;
  • Non è consentito alcun trattamento economico sostitutivo;
  • Se durante una giornata lavorativa si fanno delle assenze per qualunque motivo (es. visita medica, scioperi, etc.) i periodi di riposo vengono ridotti rapportandoli all’effettiva prestazione lavorativa.

Clicca qui per scaricare il FAC SIMILE DELLA DOMANDA DA DARE AL DATORE DI LAVORO PER CONCORDARE I PERMESSI DI ALLATTAMENTO.





 

Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «I diritti dei genitori» e tag «».

Commenti

372 commenti a “I permessi di allattamento

  1. Buongiorno,
    lavoro in una pubblica amministrazione con orario ridotto (part time 80%). Le mie ore contrattuali sono di 5.46 quindi per 14 minuti non ho diritto a due ore di allattamento ma solo a una. Nel caso però in cui mi debba fermare e superare le 6 ore, in quei giorni ho diritto a due ore? Nella mia pubblica amministrazione non sanno rispondere a questo quesito….
    Inoltre il mio part time è a tempo determinato (tre anni), in questo caso tra maternità obbligatoria e facoltativa perderei una parte di part time. è possibile sospenderlo fino all’anno di vita del bambino?
    grazie

  2. salve,
    io ho n contratto studi professionali a tempo indeterminati. il mio orario di lavoro prevede 4 giorni da 9 ore e mezza e uno da 2 ore per un totale di 40 ore settimanali.
    rientrando dalla maternità dovrei lavorare 7 ore e mezza nei giorni da 9e mezza e un’ora nel giorno da due? o il giorno da due mi va tutto in allattamento?

    grazie..

  3. Ciao Domenico, se tua moglie è in allattamento no non è obbligata a lavorare di domenica e nei festivi. Nei prefestivi, quale il sabato invece sì.
    Questo è valido per il CCNL del commercio. Chiama L’INPS o rivolgiti a un CAF per esporre la tua situazione.

  4. @Rebecca non so aiutarti e non vorrei dirti una stupidaggine. Rivolgiti a un caf o chiama l’inps e fatti aiutare.
    @serena: le ore di allattamento si calcolano sul teorico settimanale. é corretto quello che scrivi ma mi sembra una cosa senza senso farti lavorare 1 giorno 1 ora! Concorda gli orari con i tuoi datori di lavoro.
    @Letizia: si parte sempre al lavoro teorico. In una settimana devi lavorare 40 ore, distribuite su 5 o 6 giorni. Mettiamo che lavori 8 ore su 5 giorni.
    Hai diritto a 2 ore di allattamento al giorno. Quindi svolgerai 6 ore. Supponiamo che devi trattenerti di più e invece di 6 fai 7 ore. Godrai comunque delle ore di allattamento, ma il totale settimanale non sarà più 40, ma 41. quindi 1 ora è di straordinario.

  5. Buonasera a tutti. Sono al sesto mese di gravidanza e sto iniziando a pensare a come organizzarmi al rientro della maternita.
    Lavoro 5 g a sett 6 ore al giorno.
    Per crescere il più possibile mia figlia dato che non ho i nonni che mi possono aiutare, stavo pensando che al rientro della maternita obbligatoria potrei usufruire prima delle ferie, poi dei permessi con l’ aggiunta delle 2 ore di allattamento e proseguire con il solo allattamento lavorando quindi 4 ore anziché 6.
    Qualcuna di voi si è trovata nella mi a situazione? Se si come vi siete organizzate? Vorrei evitare di andare in maternita facoltativa, o meglio, la vorrei conservare in casi di estrema necessità. Eventualmente potrei alternare l’allattamento con la facoltativa?
    Ho già un altro figlio di 4 anni ma quando è nato ero lavoratrice autonoma quindi non ho usufruito di alcuna agevolazione.
    Aspetto notizie! Grazie mille

  6. Salve

    Ho un contratto del commercio full time indeterminato.

    Ho una bimba di un anno e vorrei chiedervi se le domeniche devo lavorarle comunque obbligatoriamente visto che le ho nel contratto. Avevo sentito dire che fino a tre anni del bambino le lavoratrici madri sono esonerate dal lavoro domenicale, ma non so se nel mio caso questo possa valere. Grazie

  7. @Roberta: Non hai scritto che tipo di Contratto hai. Puoi fare tutto quello che hai scritto. La facoltativa puoi prenderla fino al terzo anno di età. Poi se non l’hai utilizzata tutta e hai dei residui, puoi utilizzarla come assenza non retribuita fino al compimento degli 8 anni del bambino.
    @Ibis: è corretto quello che hai scritto, non sei obbligata a lavorare alla domenica.

  8. Salve, sono dipendente di un’azienda privata (7.45 ore di lavoro da lunedì a giovedì e 6,45 ore il venerdì); attualmente sono in maternità obbligatoria dopo aver fruito dell’anticipata considerata in primis la notevole distanza dell’ufficio dalla mia residenza: è ubicato in altra provincia, a circa 200 km di distanza (400 km tot. al giorno) da casa mia.
    Il mio lavoro si svolge prevalentemente presso clienti (sono perennemente in missione partendo la mattina presto e rientrando a casa per cena) e mi reco in ufficio di norma 1 volta alla settimana (altrimenti non sarebbe possibile resistere!).
    Siccome tra poco partorirò comincio a preoccuparmi del rientro a lavoro ed, in particolare, ho le seguenti domande da porvi:
    1) fino al primo anno di vita della bimba mi spetteranno 2 ore di permesso per allattamento/giorno; è possibile cumularle tutte in un giorno e stare un giorno a casa?
    2) durante l’allattamento il mio datore di lavoro mi può inviare in missione in maniera indiscriminata presso qualunque cliente (gestori di discariche, raffinerie, cartiere, etc.) ed a qualsiasi distanza da casa? In caso di missione durante l’allattamento, il tempo di lavoro giornaliero (5,45 ore da lunedì a giovedì e 4,45 ore il venerdì) è da considerarsi quello svolto presso il cliente oppure deve essere comprensivo delle ore di viaggio?
    3) visto che la mia azienda ha un altro ufficio ubicato nella mia provincia di residenza a circa 100 km di distanza da casa mia, posso richiedere al mio datore di lavoro di poter temporaneamente svolgere la mia attività presso tale ufficio dimezzando così i disagi del pendolarismo che, temo, potrebbe seriamente minacciare la riuscita dell’allattamento della mia piccola?
    Grazie in anticipo per le risposte e complimenti per il sito che trovo utilissimo.

    Bianca

  9. Cara Bianca, purtroppo i permessi di allattamento non sono cumulabili. La tua situazione è un pó complicata. Ti consiglio di parlare con il tuo datore di lavoro e poi eventualmente rivolgerti a un avvocato del lavoro. Per quanto riguarda l orario di lavoro inizia secondo quanto stabilito nel tuo contratto. Non posso aiutarti di più mi spiace.

  10. Giusto! Contratto commercio tempo indeterminato. Comunque credo che andrò in ferie, poi chiederò la facoltativa ed infine quello che resta di allattamento( finché la bimba non avrà 1 anno). Che ne dite?

  11. ciao a tutti,a me e’ stato detto che le 2ore di allattamento nn sarebbero accumulabili,ma se ci si mette d accordo con il titolare la cosa nn e’ impossibile,sta tutto alla sua disponibilita nel venirci incontro… sbaglio?!
    purtoppo lavoro parecchio lontano da casa e ho la pausa pranzo abb lunga.. nn facendo il continuato ho chiesto di accumulare le ore di allattamento e stare a casa 3 pomeriggi… secondo voi e’ fattibile?

  12. ciao! ho un problema con il mio datore di lavoro. io lavoro in un supermercato a 38 ore settimanali suddivise in 6 gg. di solito l’orario è di 6,30-6,40 ore al giorno, così, come per la prima gravidanza con l’allattamento, diventavano 4,00-4,30 ore al giorno. così le mie ore diventano da 38 a 26 a settimana. ora invece il datore di lavoro mi distribuisce le ore come vuole… un giorno 8 ore, un’altro 5 e così via… la mia domanda è: le due ore di allattamento me le deve scalare solo il giorno in cui mi ha messo più di 6 ore e gli altri giorni me ne deve scalare solo 1? Questa settimana rispetto all’orario solito di 26 ore settimanali con allattamento, ha detto che devo farne 31! è normale? non so più cosa fare!!!!!!! grazie!!

  13. ciao ho un problemino con il mio datore di lavoro…dunque è una ditta piccola (contratto artigianato) io sono da sola in ufficio quindi la maternità praticamente l’ho fatta solo sulla carta materialmente ero qui 2/3 gg a settimana ma lasciamo stare….la mia piccola è nata il 23 agosto 2013 quindi il 23 novembre sono rientrata con la riduzione x allattamento (faccio 40 ore settimanali su 5 giorni a volte anche il sabato mattina ma quello non viene conteggiato in busta paga) quindi faccio 6 ore al giorno. ho chiesto di poterle fare continuative quindi 9.30/15.30 invece che spezzate xkè il negozio chiude dalle 12 alle 14.30 e per me viene troppo tardi ora con 2 figli tornare a casa alle 19…prima mi ha detto ok ora è un po’ aumentato il lavoro e vuole che faccia di nuovo orario spezzato…sono obbligata o posso rifiutare di farlo almeno fino all’anno della bambina?
    da considerare che non ho fatto neanche un giorno di facoltativa questa volta mi sembra di aver dato parecchia disponibilità!!!!
    grazie per la risposta

  14. salve!!!
    io lavoro in una fabbrica tessile con 4 turni per 6×6. Rientro a lavorare mio figlio ha 8 mesi vorrei sapere quante ore mi spettano al giorno di allatamento!

  15. Se il part time e verticale da sette ore al giorno e uno a casa x un totale di 28 ore quante ore mi spettano x allattamento?

  16. Buongiorno,
    ho un contratto commercio terzo livello a tempo determinato part time per 24 ore settimanali in un centro commerciale dove si lavora anche domeniche e festivi. Avendo un bimbo sotto i tre anni ho chiesto di non lavorare le domeniche come invece ho fatto fin’ora.Dello stesso diritto ha usufuito anche una collega full time. Mi è stato risposto che io non ne ho diritto perchè non ho un full time. A mio parere, analizzando l’articolo 141 del contratto collettivo ciò non è corretto. Grazie per la risposta.

  17. @Deborah: Non sono tenuti ad assicurare la copertura del lavoro domenicale: le madri, o padri affidatari, di bambini di età fino a 3 anni.Indipendentemente dalle ore settimanali. Fatti dare assistenza da un caf o dai Sindacati.

  18. Buonasera, ho un contratto del commercio e sono liv quadro, lavoro 40h sett. Ho un bambino di 10 mesi. Ho alcune domande:
    Ora che rientreró con orario allattamento è consentito saltare la pausa non retribuita??

    Che distanza massima puó essere la sede di lavoro dalla propria abitazione avendo un bambino?

    È consentito non lavorare domenica e festivi???
    Grazie in anticipo

  19. Ciao Valeria, purtroppo la pausa non può essere saltata. Mezzora devi farla.
    Fino al compimento dei tre anni, il CCNL del commercio esclude per le lavoratrici madri dall’obbligo di prestare la propria attività lavorativa nella giornata di Domenica. Ma devi controllare il tuo contratto per controllare eventuali postille che hai firmato, e quindi accettato.
    Puoi essere strasferita ad un’altra unità produttiva unicamente in presenza di un tuo espresso consenso fino al compimento del primo anno di età del bambino.
    Anche in questo caso, verifica cosa c’è scritto nel tuo contratto.
    Rivolgiti a un CAF o ai Sindacati per maggiore assistenza.

  20. Ciao e grazie in anticipo, volevo chiedere quante ore di allattamento avrò e come verranno distribuite nel mio caso…contratto 31 ore a settimana con giorni da 7,5 ore e gli altri da 4 ore. Grazie grazie grazie!!! Fede

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2008 Bravi Bimbi   |   sito web: Studio LOST