Bravi Bimbi > In Gravidanza > Mal di schiena in gravidanza: che cosa fare

Mal di schiena in gravidanza: che cosa fare

Scritto da Ospite Speciale il 02 agosto 2018

mal di schiena in gravidanza

Una donna in stato interessante, è sotto alcuni aspetti un vaso di cristallo molto delicato e alcuni dolori come appunto la lombalgia, vengono sottostimati da medici e pazienti stessi, in quanto, si tende a minimizzare sperando che il mal di schiena scompaia da solo una volta terminata la gravidanza.

Purtroppo non è sempre così, e anzi sono molte le future mamme che iniziano in gravidanza ad accusare un dolore alla colonna lombare bassa e tenderanno ad averlo anche negli anni successivi.

Parliamo di questo problema con David Di Segni che, nel suo blog Mdm Fisioterapia, aiuta molte persone affette da dolori muscolo scheletrici con guide e consigli e tratta ogni giorno nel suo studio a Roma molte donne in gravidanza aiutandole nella gestione del problema.

Per prima cosa è molto importante fare una distinzione:

  • Donne che già in passato avevano mal di schiena
  • Donne che per la prima volta accusano dolore

La prima categoria sono le donne che per svariate motivazioni avevano già un danno magari al disco intervertebrale o una postura errata come una iperlordosi e con la gravidanza e l’aumento del peso della pancia, acuiscono il problema già presente.

La seconda categoria è invece quella delle donne che magari per una giovane età, non avevano mai accusato alcun fastidio ma ora, durante la gravidanza, sono in preda a dolori importanti alla colonna lombare.

Circa la prima categoria, ricordo sempre che la prevenzione è fondamentale e pensare di affrontare una gravidanza di 9 mesi, con alla base un problema strutturale, è da incoscienti… perchè si rischia davvero di limitare i propri movimenti per molto tempo e magari ingrassare ancora di più per la mancanza di movimento!!

Ok, ho comunque mal di schiena che cosa fare?

Considerando che in gravidanza non è possibile fare esami strumentali come una normale Lastra Rx, è chiaro che il fisioterapista dovrà lavorare sul sintomo non conoscendo in maniera approfondita la causa (ricordiamoci che in medicina si dovrebbe sempre curare la causa e non il sintomo, ma questo è un caso eccezionale). In gravidanza sono escluse dai trattamenti tutte le manipolazioni vertebrali, la rieducazione posturale Mezieres e anche i massaggi dovrebbero essere fatti con molta attenzione.

fisioterapista

Il fisioterapista ha quindi le mani molto “Legate” e gli strumenti a disposizione sono molto limitati ma oggi, grazie alla terapia fasciale, è possibile dare sollievo, anche a distanza, andando ad agire su distretti attigui, liberando tensioni tramite apposite manovre molto delicate che possono davvero liberare il tratto lombare che inevitabilmente troveremo bloccato con una severa contrattura muscolare.

Può venirci incontro una vecchia terapia fisica, l’infrarosso, che tramite il suo spettro luminoso e caldo, riesce a rilassare la muscolatura lombare dare sollievo ad una colonna contratta.

Come detto le manipolazioni dirette (I trust vertebrali puri, che tanto danno sollievo) sono escluse, ma le manipolazioni indirette, mediante esercizi, possono essere di grande aiuto e favorire il movimento di un distretto lombare contratto. Come detto, anche liberare una colonna dorsale che si interfaccia con la colonna lombare può avere un senso e quindi la nostra attenzione può essere dedicata a questo genere di mobilizzazione, magari associata al trattamento fasciale sopra descritto.

Ecco una serie di esercizi di esempio, che magari possono essere eseguiti sotto controllo e guida del fisioterapista:

Certamente non andranno eseguiti tutti ma impostare un programma giornaliero fin dai primi mesi, se si è a conoscenza di un eventuale problema, potrebbe essere una strategia vincente aspettando magari momenti peggiori, quando magari il peso della pancia si farà sentire.
Lavorare anche sul rinforzo muscolare della muscolatura della colonna è di vitale importanza, per cui eseguire esercizi isometrici progressivi può alleviare il mal di schiena. Trovare esercizi per il Core non sarà certamente un problema, ma vanno eseguiti in maniera perfetta e solo se strettamente necessari, chiedendo sempre consiglio al medico curante e mai improvvisati!

Altro consiglio che possiamo dare, se compaiono i primi dolori, può essere quello di indossare una pancera contenitiva, che supporti la colonna lombare e aiuti a contenere la pancia. Magari tale ausilio potrebbe essere utile per fare le faccende domestiche, oppure prima di una lunga camminata.

pancera gravidanza
Proprio la camminata potrebbe essere molto interessante per rinforzare le gambe e favorire il rilascio di endorfine, tanto utili sia alla mamma per accusare meno dolori, sia al bimbo/a che portiamo in grembo.

Infine non smetterò mai di consigliare una alimentazione sana, cercando di mantenere una linea accettabile, senza ingrassare troppo in questa delicata fase della vita di una donna, cercando anche negli alimenti naturali quelle sostanze che possono essere utili anche al controllo dell’infiammazione, in maniera naturale, senza appunto l’uso di farmaci che appunto non sono consigliabili in gravidanza.

Questo benedetto mal di schiena

Il mal di schiena in gravidanza può essere un serio problema ma se nella routine giornaliera si riesce a inserire una strategia, basata sul buon senso, il movimento e soprattutto essere seguite da persone capaci e altamente competenti, si riuscirà sicuramente a contenere il disagio e godere dei piacevoli momenti prima del parto e successivamente dopo il parto.
Tanti Auguri di Cuore!!

 

Contributo di:

David Di Segni
Mdm fisioterapia
Tel: 06/68808629





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «In Gravidanza» e tag «, , ».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2018 Bravi Bimbi