Bravi Bimbi > In Gravidanza > Pressione sanguigna in gravidanza

Pressione sanguigna in gravidanza

Scritto da barbamamma il 04 ottobre 2009

pressione sanguigna gravidanzaTi saranno suggeriti numerosi controlli di routine durante la gravidanza, tra cui la misurazione costante della pressione sanguigna. Questo perché una pressione alta, assieme alla presenza di proteine nell’urina (controllata regolarmente), può indicare un disturbo potenzialmente grave detto pre-eclampsia.

Controlli regolari della pressione dopo la 20a settimana sono importanti per la salute tua e del bambino.

La pressione sanguigna in gravidanza

Al sesto mese di gravidanza, avrai prodotto circa un litro e mezzo in più di sangue che il tuo cuore dovrà pompare attorno al bambino. Tutta questa attività ti farà sentire più caldo del solito.

Il sangue in più è usato per trasportare nutrimento e ossigeno al bambino attraverso la placenta e il cordone ombelicale e portare via le sostanze di scarto.

Il progesterone, l’ormone della gravidanza, rilassa le pareti dei vasi sanguigni, per questo la pressione cala spesso durante la gravidanza. Di conseguenza, molte donne si sentono svenire se stanno in piedi troppo a lungo o si alzano di scatto.

La pressione tornerà normale nelle ultime settimane di gravidanza. L’ostetrica si preoccuperà solo se la pressione cresce molto più del normale e rimane alta a lungo (vedi Informazioni sulla pre-eclampsia, sotto).

Se la tua pressione è di norma un po’ alta, ("ipertensione essenziale") potrebbero prescriverti delle pastiglie per tenerla sotto controllo in gravidanza senza avere effetto sul bambino.

Come si misura la pressione

L’ostetrica misurerà e registrerà la tua pressione a ogni visita di controllo usando una macchina detto sfigmomanometro, che normalmente è elettronico.

Vengono fatte due letture – la pressione sistolica è registrata al battito del cuore, mentre la diastolica viene letta fra un battito e l’altro. Per questo la pressione è composta da due cifre, per esempio 130/90, e ciò che è normale per te sarà diverso per un’altra donna, quindi non ha senso confrontare i risultati!

Ai medici interessa soprattutto il valore diastolico (il secondo numero, il più basso) durante la gravidanza. Generalmente, la pressione media per una donna giovane e in salute è 110/70 – 120/80. Se la tua supera i 140/90 almeno due volte in una settimana, e di solito hai una pressione normale, il medico ti diagnosticherà una pre-eclampsia.

Il motivo per cui la pressione ti viene misurata regolarmente è per ottenere un andamento di ciò che è normale per te, poiché un’unica lettura alta potrebbe essere insignificante. Forse sei semplicemente stressata o in ritardo all’appuntamento. Se hanno il sospetto che la pressione si sia alzata, la misureranno di nuovo.

Non c’è molto che tu possa fare per tenerla bassa, benché se hai sintomi iniziali di  pre-eclampsia, sarà meglio riposare il più possibile e cercare di non stressarti per cose tipo il lavoro.

Cosa succede quando hai la pressione alta?

Se la pressione inizia a salire, il risultato del test delle urine sarà fondamentale per ciò che avviene in seguito. Se le urine contengono proteine, potresti essere all’inizio di una pre-eclampsia, e avrai bisogno di visite più frequenti.

Informazioni sulla pre-eclampsia

Si tratta di un grave disturbo che si ritiene possa essere causato da problemi alla placenta, l’organo che nutre il bambino nella tua pancia. La pre-eclampsia può presentarsi in qualunque momento dopo la 20° settimana di gravidanza. Una gravidanza su 14 è affetta da pre-eclampsia, e una donna su 20 in attesa del primo figlio può soffrire di questo disturbo. Nel caso, sono necessarie misurazioni della pressione e analisi delle urine più frequenti. "Potrebbero richiederti delle analisi del sangue per controllare il funzionamento del fegato" dice Sally Sago. Ti chiederanno se hai continui mal di testa, dolori sotto le costole sulla parte destra, vista offuscata, gonfiore improvviso di mani e piedi e vomito – il che indicherebbe un peggioramento della pre-eclampsia.

Se la pressione diventa troppo alta, sarai ricoverata e trattata con medicinali (che non influiranno sul bambino) per cercare di controllarla. Anche il bambino sarà monitorato attentamente e se vi sono segnali che non cresce bene o che non sta bene, ti suggeriranno di indurre il travaglio o fare un cesareo. L’unica vera cura per la pre-eclampsia è di evitare il disturbo più serio cui può portare – l’eclampsia – facendo nascere il bambino.

Dopo il parto, la pressione dovrebbe tornare normale, ma potrebbe metterci varie settimane, il che potrebbe essere necessario anche per il gonfiore eccessiva di mani e piedi. La pressione verrà monitorata attentamente nelle prime 48 ore circa e poi regolarmente dall’ostetrica anche dopo il tuo ritorno a casa.

Cinque modi per stare bene

1 Non saltare mai una visita prenatale, per quanto bene ti senta.
2 Assicurati che pressione e urina vengano controllati ad ogni appuntamento.
3 Chiama il medico o l’ostetrica se non ti senti bene fra un appuntamento e l’altro.
4 Ascolta chi si prende cura di te e segui i consigli, incluso il riposo se necessario.
5 Se la pressione si alza e ti chiedono di fare ulteriori controlli o di rimanere in ospedale per un po’, ricordati che è per il bene del bambino oltre che tu.





 

Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «In Gravidanza» e tag «, ».

Commenti

4 commenti a “Pressione sanguigna in gravidanza

  1. CIAO HO 31 anni e sono in attesa del terzo figlio,nelle prime due gravidanze specie la prima mi hanno diagnosticATO una gestosi del terzo trimeste e d ho dovuto partorire 20 giorni prima con cesario.poi nella seconda graviidanza stavo piu sottocontrollo ma la pressione non ha mai superato 140 /90, ora nei primi nel primo mese solo una volta era 160/100 poi da due mesi a questa parte regolARE SOLO STAMATTINA VERSO MEZZOGIORNO ERA 130/90 FORSE DOVUTA DALL EMOZIONE CHE OGGI ANDRO DAL GINECOLOGO?VI RINGRAZIO IN ANTICIPO X UNA VOSTRA EVENTUALE RISPOSTA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2009 Bravi Bimbi   |   sito web: Studio LOST