Top

Il bambino a 14 mesi

20 dicembre 2008 · scritto da

4 COSE CHE DEVI SAPERE

1. Potrebbe iniziare a fare i capricci. I bei tempi in cui dormiva e mangiava sono andati. Ora ha un suo modo di esprimersi. E la varietà delle sue emozioni sembra infinita. Se lo guardi attentamente, noterai l’eccitazione e la confusione di fronte ad un nuovo giocattolo, quando ti mostra come infilare la stellina nel buco corretto o rabbia quando non gli dai l’oggetto che vuole. E’ quest’ultima emozione che può provocare disagio e, sì, anche momenti davvero rumorosi. Benvenuta nell’età dei capricci. Se ha degli scatti d’ira, gli esperti consigliano di assumere un atteggiamento pratico (chiaramente presumendo che il bambino non sia in pericolo). Per quanto possa essere difficile, non arrenderti subito a queste esplosioni. Fagli capire che comprendi la sua rabbia ma non accetti il modo in cui la esprime. Dovresti notare che l’agitazione diminuisce mano a mano che si rende conto che il suo comportamento non ti farà cedere. Quando cresce, spiegagli perché il suo comportamento non è accettabile. E’ meglio farlo quando lo scatto d’ira è passato e le cose si sono calmate. Ma soprattutto, ricordati che si tratta solo del modo di esprimere un’emozione. Una volta calmato, potrai di nuovo godere dei momenti di entusiasmo e affetto che poco dopo seguiranno.

2.Potrebbe essere il momento di iniziare a pensare all’asilo. Il pensiero di doverti separare da lui potrebbe essere difficile. Ecco come aiutare entrambi in questo momento di passaggio.

Scegli la qualità. Cerca un ambiente e delle persone che riflettano da vicino i tuoi valori di genitore. Parla a fondo con gli educatori, controlla bene il luogo e le referenze. Questo ti permetterà di essere tranquilla sul fatto che se ne prenderanno cura in modo da allevarlo proprio come faresti tu.

• Cerca un dialogo quotidiano con i suoi educatori. Fai domande sul bambino. Ha avuto una buona giornata? Cos’ha mangiato? Si è graffiato o ha preso qualche botta? Ha interagito con gli altri bambini? Qualcosa di cui preoccuparsi?

• Ricordati che la separazione per lui potrebbe essere ancora difficile. Potrebbe piangere e aggrapparsi a te quando lo accompagni. Potresti ridurre le sue proteste lasciandogli un ricordino speciale da tenere con sé, passando dei momenti speciali con lui prima e dopo ogni giorno, e riassicurarlo che dopo poche ore tornerete a prenderlo per portarlo a casa. Anche se non devi ignorare le sue lacrime, ricordati che le sostituirà presto con un sorriso quando non ti vede più e sarà distratto da nuovi giocattoli o da un altro bambino. Ricordati inoltre che crescendo le proteste diminuiranno e sarà più interessato a giocare in modo interattivo con altri bambini.

Se stare a casa potrebbe avere dei benefici dal punto di vista emotivo (sia per lui che per i genitori), andando all’asilo potrà godere anche delle attenzioni quotidiane di qualcun altro, quindi sia dei genitori che di un altro adulto, ogni giorno.

3. Potrebbe non volersi vestire! Poco tempo fa allungava braccia e gambe per aiutarti a vestirlo. Ora ha scoperto un’altra realtà: quello che si mette deve anche essere tolto. I bambini di solito amano andarsene in giro senza niente addosso (o se sei fortunata indossando solo il pannolino): ma stai attenta! I giorni in cui indossava passivamente berretti, scarpe e calze sono finiti. Lo vestirai e poi, appena ti volti, lo troverai di nuovo a piedi nudi. Anche se a volte è frustrante, soprattutto se sei in ritardo, cerca di goderti questa sua nuova forma di indipendenza emergente. Pensa che fra poco sarà in grado di togliersi tutti i vestiti e istituire la propria versione di "nudismo" in ogni momento e luogo in cui lo vorrà fare.

4. Sta imparando a nutrirsi da solo. Che spettacolo! E’ ora di cena! Puoi guardarlo esplorare il divertente mondo delle cose che può mettere in bocca. Se solo sapessi come fargli mangiare qualcosa! L’ora dei pasti ti lascia confusa? Non sei la sola. E’ pronto a sedersi a tavola. Gli piaceranno i nuovi e fantastici sapori e le consistenze. Permettendogli di mangiare da solo lo aiuterai a sviluppare delle tecniche di masticazione e deglutizione più mature e aumenterai le probabilità che accetti nuovi cibi. Ricordati di proporgli una dieta bilanciata, tienilo in forma e controllalo mentre mangia. Potrebbe decidere che quel cibo è un giocattolo, e glielo troverai nei capelli, sul pavimento e ovunque lo possa lanciare. Tieni a portata di mano la macchina fotografica per catturare queste fantastiche immagini. Saranno incantevoli nell’album da sfogliare dopo che avrai pulito il casino!

LA SALUTE E LA SICUREZZA DEL TUO BAMBINO

Controlla l’armadietto dei medicinali. Un anno fa sei stata attenta a metterci tutte le cose raccomandate quali cotton fioc, sciroppo di ipecacuana e paracetamolo. Lo hai controllato di recente? Prenditi qualche minuto per rivederne il contenuto. Elimina e sostituisci le cose scadute. Fai scorta di ciò che manca. Infine, assicurati che tutte le medicine siano nei loro contenitori originali, con tappi a prova di bambino e che l’armadietto sia chiuso a chiave e lontano dalla sua portata.

Impara ad evitare l’avvelenamento da cibo. L’avvelenamento da cibo è una malattia pericolosa che spesso si può evitare con delle semplici precauzioni. Sei attenta a come maneggi, cuoci e conservi i cibi? Riduci i rischi:

  • Impara a maneggiare la carne correttamente. Scongela la carne tenendola sotto l’acqua fredda o nel microonde. Lava sempre mani, utensili e pentole quando maneggi la carne cruda. Cucinala a temperature adeguate e conserva le porzioni avanzate in contenitori sigillati e mettila immediatamente in frigorifero.
  • Usa salviette di carta anziché spugne e stracci, che potrebbero contenere batteri pericolosi.
  • Pulisci regolarmente il frigorifero.

ATTIVITA’ DIVERTENTI DA FARE INSIEME

Passa del tempo a coccolarlo. A volte per ricaricarti ti basterà un momento di coccole con il tuo piccolo esserino che ora è sempre in movimento. Quando lo vedi rallentare un po’, trova un angolino tranquillo dove potete coccolarvi con un bel libro. Lasciagli sfogliare le pagine e indicare figure o immagini familiari (il gattino, la casa, ecc). Si divertirà a mostrarti le sue nuove conoscenze e tu ricorderai quei primi momenti in cui pensavi che non avrebbe mai lasciato le tue braccia.

Ascoltate musica insieme. Forse hai notato che reagisce a vari tipi di musica. Da piccolo, alcune musiche lo calmavano, mentre altre lo rendevano più attivo. Ora riuscirà meglio ad esprimere queste emozioni. Fai in modo che la musica sia parte della vostra vita quotidiana. Metti della musica allegra mentre giocate. Balla con lui e fallo sorridere! Varia la selezione musicale in modo da fargli sentire vari generi diversi. Ricordati che la musica può avere un enorme effetto calmante e rilassante – specialmente se è la voce di un genitore che canta!

Organizza una vera vacanza rilassante in famiglia! Ti sembra troppo bello per essere vero? E’ possibile. Segui questi semplici consigli:

  • Progetta in anticipo. Definisci prima il viaggio e la sistemazione.
  • Viaggia leggera. Concentrati sulle cose che ti servono davvero. Ma assicurati di avere sufficienti scorte di quello che ti serve, come ad esempio i medicinali.
  • Sii flessibile. Anche il bambino più collaborativo potrebbe inavvertitamente scombussolare i tuoi piani. Sii pronta a fare dei piccoli cambiamenti all’organizzazione per un sonnellino extra, un cambio di pannolino, una merenda o una dose extra di coccole.
  • Tenetevi impegnati. Non fare programmi troppo intensi che non vi farebbero divertire, ma ricordati che ai bambini non piace stare seduti e fermi troppo a lungo.

SEMPLICI MODI PER PRENDERTI CURA DI TE

Stress! Perché non può lasciarti in pace per soli cinque minuti? Ecco alcune semplici soluzioni per ridurre drasticamente il tuo livello di stress:

Goditi qualche minuto di sole ogni giorno. Con l’avvicinarsi dell’inverno, lo stress sembra aumentare ogni giorno. Cercare di uscire ogni giorno quando splende il sole, anche solo per un paio di commissioni; ti aiuterà a limitarne gli effetti.

Passa del tempo con un’amica. Prenditi del tempo per parlare della tua giornata, poi dai ascolto alla tua amica. Entrambe vi sentirete molto meglio.

Fa’ in modo che la musica sia parte della tua vita. Scegli musica rilassante o allegra che ti faccia sentire felice ed energica.

L’attività fisica è un bel modo per eliminare le frustrazioni. Non solo ridurrà lo stresso, ma aiuterà il tuo corpo a vivere in modo sano.
Scopri come tonificare il corpo e calmare la mente con lo yoga o il Pilates.

Siediti e scrivi un diario. Scrivi sia dei momenti stressanti che di quelli felici e leggeri. Trasferisci le preoccupazioni sulla carta e libera un po’ la tua mente.

Organizza "il momento della preoccupazione". Progetta di passare qualche minuto a concentrarti sulle cose che ti preoccupano. Libererai il resto della giornata per pensieri più produttivi e potrai concentrarti sui tuoi problemi nel momento in cui sei più pronta per trovare una soluzione.








Leggi l'articolo precedente: « Il bambino a 15 mesi
Leggi l'articolo successivo: » Il bambino a 13 mesi


Lascia il tuo indirizzo email - Potrai sempre disiscriverti quando vuoi!

Rimarrai sempre informata su tutti gli aggiornamenti del sito. Gravidanza, storie di mamme e famiglia, crescita dei bambini...è molto utile! Provare per credere! :-)

Commenti a questo post

Un commento a “Il bambino a 14 mesi”

  1. lulù ha scritto il 13 settembre 2012 alle ore 8:27 pm

    ciao ho una figlia di 14 mesi è così carinaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa e il 17 inizia l’ asilo nido grazie per il tuo post

Hai qualcosa da dire?





Bottom