Bravi Bimbi > Primi anni > Orzaiolo all’occhio

Orzaiolo all’occhio

Scritto da barbamamma il 15 aprile 2018

oraziolo occhio

Il mio bambino ha avuto più volte un piccolo orzaiolo. Qual’è il modo migliore per curarlo definitivamente?

Proviamo a partire dall’inizio e a capire bene di che cosa stiamo parlando.

Che cos’è un orzaiolo?

L’orzaiolo è una patologia infiammatoria delle piccole ghiandole sebacee della palpebra (ghiandole di Meibomio) o del loro dotto, caratterizzata dalla comparsa sul bordo palbebrale (orzaiolo esterno) o a livello della faccia interna della palpebra (orzaiolo interno) di una tumefazione dura, dolente, arrossata.  L’orzaiolo assomiglia un po’ ad un ascesso.

occhio con orzaiolo

 

Come mai si forma un orzaiolo?

L’orzaiolo è spesso causato da un batterio, lo Stafilococco aureo, un batterio molto comune, più raramente dallo Streptococco.

Che cosa provoca un orzaiolo. I sintomi.

L’orzaiolo può provocare dolore, intensa lacrimazione, fotofobia (intolleranza al sole) gonfiore e arrossamento della parte.
La parte colpita appare gonfia e arrossata. La sensazione è quella di avere qualcosa nell’occhio, come un granello di sabbia che non va mai via. Questa patologia è spesso recidiva: a volte, la nuova infezione può essere causata dalle stesse mani contaminate, quindi è buona regola non sfregarsi l’occhio. Cerca di spiegarlo al tuo bambino anche se, ovviamente, sarà difficile per lui tenere a bada le sue mani.
Le cause non sono chiare, ma si pensa che possa essere associato a disturbi alimentari o a difetti refrattivi.

Come si cura un orzaiolo?

Il trattamento consiste in una buona igiene della palpebra (si possono fare impacchi caldo-umidi con acqua bollita e sale da cucina 2-3 volte al giorno), nell’utilizzo di una pomata antibiotica e nella somministrazione di fermenti lattici per bocca.
Se le hai a portata di mano, puoi usare delle garze per fare gli impacchi: sono pratiche, gliele tieni appoggiate per 5-10 minuti mentre, magari, gli racconti una storia e gli chiedi di stare fermo con gli occhi chiusi.
L’orzaiolo può scomparire anche da solo in qualche giorno o in una o due settimane (normalmente si riduce di dimensioni fino a scomparire)

orzaiolo

 





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Primi anni» e tag «».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2018 Bravi Bimbi