Bravi Bimbi > Primi mesi > I 6 principali errori che commettono i genitori al momento della nanna

I 6 principali errori che commettono i genitori al momento della nanna

Scritto da barbamamma il 08 maggio 2011

neonato che fa la nannaMettere i figli a dormire – e farli restare addormentati – è uno dei compiti più difficili dell’essere genitore. Anche chi ha bambini che dormono senza problemi, a volte devono lottare. Infatti, quasi il 40% dei bambini soffre di qualche disturbo del sonno.

Alcuni esperti hanno identificato sei principali errori che si possono commettere quando è l’ora di andare a nanna. Ma la buona notizia è che tali errori si possono aggirare abbastanza facilmente. Gli esperti del sonno dei bambini e i genitori veterani confermano che dei piccoli cambiamenti nella routine e nell’ambiente possono fare una grande differenza nel prevenire o correggere dei diffusi problemi del sonno.

E una volta raggiunto l’obiettivo – quando cioè vostro figlio andrà a letto all’ora giusta e dormirà tutta la notte – non solo sarà più felice e riposato, ma lo sarà anche tutta la famiglia.

1. Errore: metterlo a letto troppo tardi

Al giorno d’oggi i bambini dormono molto meno rispetto a quanto dormivano i loro genitori da piccoli. “Durante l’infanzia, e nella prima adolescenza, i bambini dormono molto meno rispetto a quanto avveniva negli anni ’70 – ’80″ dice Marc Weissbluth, pediatra e autore del libro Healthy Sleep Habits, Happy Child (Buone abitudini del sonno per un bambino felice). Uno studio ha calcolato che i bambini di 2 anni dormono 40 minuti in meno al giorno rispetto ai loro coetanei di una o due generazioni prima. Il risultato, dice Weissbluth, sono battaglie più difficili all’ora di dormire e risvegli notturni.

Magari non hai dato al tuo bambino un orario regolare per dormire, o forse non hai molto tempo per stare con lui dopo il lavoro e così lo tieni sveglio un po’ di più per giocare. “Ma fare andare a letto i bambini troppo tardi li rende affaticati” dice l’assistente sociale Jill Spivack, creatrice di The Sleepeasy Solution: The Exhausted Parent’s Guide to Getting Your Child to Sleep from Birth to Age 5 (Come farlo dormire facilmente: Consigli per genitori esausti di bambini da 0 a 5 anni). “E quando sono affaticati, fanno più fatica ad addormentarsi e restare addormentati, e si svegliano persino prima di quando li metti a dormire all’ora adeguata.”

Durante gli anni dell’asilo e delle elementari, tutte le attività sportive e ricreative mettono a rischio il momento della nanna. “Sono tanti i bambini che hanno troppe cose da fare” dice Jodi Mindell, direttore associato del Dipartimento del Sonno dell’Ospedale Pediatrico di Philadelphia e coautrice, assieme a Judith Owens, di Take Charge of Your Child’s Sleep (Prenditi cura del sonno del tuo bambino).

Pensaci: Ora che tutta la famiglia arriva a casa, cena, fa i compiti, eccetera, il sonno avrà perso ogni priorità. O potresti rimandare l’ora della nanna per evitare battaglie, nella speranza che il bambino crolli, si addormenti senza il tuo intervento, e dorma fino a tardi. Ma questa è follia, dice Mindell, perché quando sono stanchi i bambini assumono comportamenti strani.

Buona abitudine: Stabilisci un orario regolare per la nanna (e magari per qualche riposino durante il giorno) e cerca di rispettarlo. Non aspettare che tuo figlio si sfreghi gli occhi, sbadigli o pianga – è già troppo tardi. Mettilo a letto prima. Possono bastare 15 – 20 minuti di sonno in più per fare la differenza.

Benché ogni bambino sia diverso, Spivack dice normalmente i neonati e i bambini piccoli hanno bisogno di 11 ore di sonno per notte, in età prescolare – una volta smessi i riposini pomeridiani – anche di 12, e i bambini in età scolare di circa 10 – 11 ore. Calcola l’ora in cui si deve svegliare al mattino e agisci di conseguenza.

2. Errore: Affidarsi al movimento

Quale genitore non ha tirato un sospiro di sollievo nel vedere il figlio addormentato nel dondolo o nel seggiolone dell’auto? Spesso questi momenti meravigliosi avvengono quando meno te lo aspetti, e quando hai più bisogno di una pausa.

Ma alcuni genitori finiscono per usare il movimento per far addormentare il figlio. “Se il bambino si abitua a dormire solo in movimento – sul passeggino o in macchina — probabilmente non si riposa adeguatamente a causa degli stimoli provocati dal movimento” dice Weissbluth. Si può dire che il suo sonno è come quello di un adulto durante un volo in aeroplano.

Buona abitudine: usare il movimento per calmarlo, non per addormentarlo

Prima di spaventarti all’idea di dover rinunciare a questo trucco, ascolta il prossimo consiglio di Weissbluth. Va benissimo usare il movimento per calmare un bambino agitato. Ma una volta addormentato, meglio che il bambino sia fermo. “La qualità del suo sonno sarà migliore” dice Weissbluth. Eccezione valida: se state facendo un lungo viaggio e lui continua a dormire, rilassatevi e godetevi i momenti di silenzio.

3. Errore: Sovrastimoli nel regno dei sogni

Prendi per esempio la giostrina sopra la culla: “Mi sembra una cosa normale, che facevano tutte le mamme” dice Kelly Ingevaldson, madre di un cucciolo di Atlanta. Ma ha ben presto scoperto che il giochino – con luci, suoni e animali in movimento – era una distrazione troppo grande per il suo bambino. “Con la giostrina non riusciva ad addormentarsi. C’erano colori troppo vivaci, che lo tenevano sveglio anziché fargli capire che era ora di dormire.”

La sovra stimolazione all’ora della nanna non colpisce solo i neonati. Se un bambino più grande ha troppi giocattoli o distrazioni vicino al letto, potrebbe non riuscire a chiudere gli occhi quando necessario.

Buona abitudine: mantenere l’oscurità ed eliminare l’azione quando è ora di dormire

Per ottimizzare il sonno, mettete il bambino a dormire in una stanza completamente buia (non ha ancora sviluppato la paura del buio). “Perché i bambini dormano bene, in una scala da 1 a 10, dove 10 è il massimo dell’oscurità, la cameretta dovrebbe arrivare a 8 o 9″ dice Spivack. Usa un ventilatore o qualche altro rumore costante per attutire i suoni della strada o di un’altra stanza.

I bambini più grandi possono tenere una lucina se hanno paura, ma niente intrattenimento notturno. Pensaci bene prima di permettere loro di avere la TV o il computer in camera. Anche i bambini che si addormentano guardando il loro DVD preferito probabilmente perdono una buona mezz’ora di sonno prezioso — perdita che può influire sul loro umore e comportamento durante il giorno — ed è più facile evitare di mettere certi apparecchi in camera piuttosto che dover discutere ogni sera sull’argomento.

4. Errore: Saltare la routine prima della nanna

Quando è ancora un neonato, potresti pensare che una routine fatta di bagnetto, un libro e una ninnananna non sia necessaria. Ma “una serie di attività piacevoli e rilassanti prima di spegnere la luce è molto importante” dice Judith Owens, direttrice della clinica pediatrica per i disturbi del sonno presso l’Hasbro Children’s Hospital in Providence, Rhode Island. Prepara il bambino al sonno vero e proprio, spiega.

Chi ha figli un po’ più grandi abituati a una routine del sonno potrebbero interromperla pensando erroneamente che il figlio sia grande o essendo stanchi di farlo. Ma anche agli adulti questo tipo di routine può far bene per calmarsi la sera. “Non possiamo pretendere che nostro figlio passi immediatamente dalla frenesia del giorno allo spegnere le luci” dice Mindell. Inoltre, aggiunge, dalle ricerche emerge che “i bambini in età scolare che non hanno una routine non ricevono il sonno necessario.”

Buona abitudine: un confortevole rituale della buonanotte

Indipendentemente dall’età di tuo figlio, il segreto è seguire dei passi prevedibili – quelli che Spivack chiama “spunti per il sonno” — che lo aiutino a calmarsi dalla giornata. Per un neonato, può essere semplicemente mettersi il pigiama e fare un po’ di coccole, mentre per un bambino più grande potrebbe voler dire fare un bagnetto, leggere un libro, cantare una canzoncina o recitare una preghiera.

Puoi creare il vostro rituale personale: “Stiamo parlando di attività coerenti che avvengano nello stesso luogo, nello stesso ordine, più o meno alla stessa ora ogni sera” dice Spivack.

5. Errore: Incoerenza

Un paio di volte la settimana, quando è piuttosto lamentoso, ti sdrai con il tuo bambino fino a che non si addormenta. O magari lo metti nel suo letto ma gli permetti di infilarsi nel tuo nel bel mezzo della notte.

Il problema non è il metodo del sonno, ma la pratica incoerente. A molti genitori non dà fastidio avere il figlio a letto con loro, ma spesso finiscono per avere un “letto di famiglia” che non avevano previsto.

“I genitori mettono i figli a letto ma non li vogliono nel loro letto” dice Owens. “LE prime volte che il bambino si sveglia durante la notte, il genitore lo rimetterà nel suo letto intorno alle 3 del mattino, lasciandolo stare nel letto con loro.” Ma questo scenario crea uno “stimolo intermittente.”

“Praticamente insegna al bambino a insistere a lungo perché prima o poi otterrà ciò che vuole” spiega Owens.

Buona abitudine: Stabilisci delle regole per dove dormire

Per quanto sia meglio decidere in anticipo se volete un “letto di famiglia” o meno, non è mai troppo tardi per stabilire delle regole. Karen Tinsley-Kim di Oviedo, Florida, ha un figlio di 3 anni che di recente si sveglia alle 11 di sera un paio di volte la settimana e si intrufola nel letto dei genitori. Dopo un paio di mesi, la mancanza di riposo ha spinto Tinsley-Kim a prendere dei provvedimenti.

Una volta stabilite le regole, il bambino rimaneva in camera sua. “Non gli permettevo di uscire dal suo lettino, dicendoli con dolcezza ma con decisione che era ora di dormire, e di farlo nel proprio letto” racconta.

Ovviamente ci sono delle eccezioni. Se si ammala o ha paura di un forte temporale, concedigli un po’ di conforto stando con lui nel suo letto o dormendo in camera con lui. Ma non appena passa l’influenza o il temporale, torna alla solita routine.

Un bambino che si è goduto le coccole di mamma e papà protesterà, ovviamente. In tal caso, Mindell suggerisce di prendersi qualche giorno in più per il passaggio — magari rimanendo sulla porta finché non si addormenta per un paio di sere prima di lasciarlo da solo del tutto.

6. Errore: Passare troppo presto da una culla a un letto grande

Il tuo bambino compie 2 anni — che grande! — e tu vuoi festeggiare comprandogli quel bellissimo lettino che hai visto in saldo. Ma non appena fai il cambio, lui prende ad alzarsi dopo aver spento le luci, o si sveglia in piena notte.

Perché? Prima dei 3 anni, molti bambini non sono pronti a lasciare la culla. “Non hanno lo sviluppo cognitivo e l’autocontrollo sufficienti per stare nei confini immaginari di un letto” dice Mindell.

Buona abitudine: Aspetta finché tuo figlio sarà pronto per un letto grande

Quando un bambino ha quasi 3 anni, potrebbe essere il momento di passare a un letto grande. Potrebbe è la parola chiave. Se ha difficoltà a rimanere a letto a quell’età, puoi sempre dargli un po’ più di tempo.

Proprio come tornare al pannolino dopo qualche tentativo disastroso di usare il vasetto, tornare alla culla non è un fallimento. “Se non funziona, non c’è niente di sbagliato a tornare indietro” dice Mindell. Alla fine riuscirà a gestire il letto grande, e magari sarà lui a chiedertelo. “Nessun bambino che va all’asilo dorme in una culla” dice Mindell





 

Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Primi mesi» e tag «, ».

Commenti

13 commenti a “I 6 principali errori che commettono i genitori al momento della nanna

  1. Sono proprio soddisfatta di come mi comporto con la mia bambina nel metterla a dormire, perchè a quanto pare faccio le cose giuste! :)
    Infatti lei non ha nessun problema ne ad addormentarsi ne a dormire!

  2. condivido in pieno ciò ke ha detto Nadia,anke noi non abbiamo nessun problema nel mettere a nanna Nicole!!!lei e la nanna sono un’unica cosa!!!ora stiamo provando a fare il riposino pomeridiano nel lettino dei grandi e va alla grande!!!dorme tranquillamente e quando si sveglia prima di scendere dal letto mi kiama!quindi credo ke presto c proverò anke x la notte!!! ;)

  3. Anche io mi rispecchio per bene e anche per noi nn c sn grossi problemi di sonno…però qlc volta qlc ora bel lettone la fa lo ammetto…. :P siamo passati al letto grande nella casa in montagna ed ora toccherà anche all’altra….per ora ttt ok, abbiamo preparato la cameretta insieme nelle scorse settimana e Matilde era tutta entusiasta del suo nuovo letto anche se mi accorgo che l’emozione della novità le fa impiegare un po piu tempo nell’addormentarsi…pazienza…

  4. Articolo interessante, la mia piccola dorme sempre tutta la notte, forse il mio unico problema è: “…..o forse non hai molto tempo per stare con lui dopo il lavoro e così lo tieni sveglio un po’ di più per giocare…” perchè effetivamente torniamo tardi sia io che papi, quindi ora che mangiamo, bagnetto e un pò di giochi e coccole si fanno le 22.
    Proverò magari ad anticipare qualche minuto al giorno…………..

  5. emm! eh no! io non ci sono proprio allora :( devo rivalutare qualche cosa, penso che kevin vada a letto troppo tardi, alle 23.00 ancora salta nel suo letto, anche se i preparativi per la nanna cominciano alle 9.30 di sera!!! ma lui sembra accendersi di più, ho smesso di fargli il bagnetto la sera perchè lo svegliava di più, ma per il resto mantengo sempre le stesse abitudini! FORSE DORME TROPPO DI GIORNO??? può essere a volte si fa 2 ore e mezza! ma da quanto ho capito sono ancora in tempo per sistemare le cose!!
    SI COMINCIA DA STASERA!!!!!!!!!!

  6. Perchè Matilde 8 mesi gioca molto è attiva chiacchera è simpaticissima ma quando è l’ora della nanna è un dramma,si addormenta tardi oppure si sveglia durante la notte,cosi’ io vado sulla poltrona e lei dorme in braccio a me cosa devo fare’

  7. Buongiorno mio nipote di 2 anni ha uno strano atteggiamento prima di dormire,e durante il sonno ,lui prima di addormentarsi saltella nel lettino creando un rumore fastidioso,non dorme ne lui ne noi,poi una volta addormentato il sonno dura poco si sveglia e comincia a saltellare cosa posso fare grazie saluti Giovanni

  8. Trovo che sia piu’ difficile mettere in pratica le regole della nanna con la seconda bimba quando si deve gestire la cena e la nanna del primo figlio….. non e’ esattamente una pratica silenziosa…..nella confusione familiare pomeridiana anche i sonnellini alcune volte saltano….capita anche a voi?

  9. Io ho la mia idea:i bambini devono andar a letto ad un certa ora non tarda per lasciare spazio ai genitori per parlare e finire le ultime cose o lavori.Per me non servono né ninne nanne basta il pigiama un peluche un bacio dolce della buonanotte e il rimbocco delle coperte per farlo sentire al sicuro.Non sopporto quando vado a trovare le mie amiche e spariscono e molte volte si addormentano con loro.Io trovo che sia maleducazione.E giusto che quando si ha ospiti a casa i bimbi vadino a letto e che i genitori possano parlare .

  10. Sono d accordo con te Barbapapa,infatti non ho specificato gli anni del o dei bimbi.Infatti dai 3 4 anni.Ma ne vedo di tutti i colori.Mi dicono che son dura,ma penso anche a noi come genitori .Loro crescono come li cresciamo noi.Per dare dolci attenzioni dobbiamo trovare tempo anche per noi così poi siamo tutti più tranquilli!

  11. ciao ha tutti io ho un bimbo di 3 mesi durante il giorno fai i suoi riposini senza problemi ma alla sera ha l’orario prende sonno intorno alle 21.30 22 e si risveglia 00.00 00.30 e fino alle 02.30 3.00 non se ne parla di dormire non so più come fare aiuto……………..

  12. Scusate io ho un problema diverso. Mia figlia ha 10 anni…e ha sempre dormito moltissimo. Quando 6 anni fa ho divorziato, ha cominciato a dormire con me nel lettone. Vorrei farla dormire nella sua stanza ma non riesco.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2011 Bravi Bimbi   |   sito web: Studio LOST