MetropolitanaIn gravidanza, soprattutto quando il pancione è più ingombrante, bisognerebbe evitare i luoghi troppo affollati, come i mezzi pubblici nelle ore di punta (reggendosi, in caso, agli appositi sostegni o chiedendo un posto a sedere), le manifestazioni di piazza e i concerti all’aperto.

Questa semplice precauzione la conoscono tutte le donne incinta, quelle che non lo sono, quelle che non possono avere figli e tutti gli uomini sufficientemente civilizzati del pianeta.

Purtroppo però quando ci troviamo davanti ad una donna incinta in piedi di fronte a no… non sempre ci alziamo per farla sedere.

Lo osservo tutte le mattine quando prendo la metropolitana milanese in compagnia di mia moglie (incinta all’ottavo mese): lei entra e comincia subito il “mezzogiorno di fuoco”. Guarda sistematicamente tutte le persone sedute cercando il loro sguardo per vedere se osano “non alzarsi”. La scena è sempre molto divertente perchè è oltremodo buffo notare come i più si sentano in colpa ma non facciano nulla: si guardano i piedi, riabbassono lo sguardo sul libro, girano gli occhi altrove facendo finta di nulla. Gli increduli guardano il pancione di mia moglie sperando che sia solo grassa e non incinta.

Poi qualche buon’anima rivolge la tipica domanda: “Si vuole sedere”?

Fate sedere mia moglie altrimenti lei si stressa e poi si sfoga su di me! 🙂