funziona molto bene..

Di ritorno a casa ho iniziato a percepire una strana sensazione al basso ventre, simile ai dolori mestruali. Si trattava solo di un fastidio, che alla fine nn mi ha impedito di dormire.

MARTEDI matt Rocky ed io siamo stati in giro finchè il mio "fastidio" non è stato sostituito da contrazioni più percettibili e frequenti. Così sono ritornata a casa.

Al corso pre-parto avevano spiegato vita, morte e miracoli delle contrazioni, pertanto ritenevo di poterle riconoscere facilmente: durata di 60 secondi, oogni 3 minuti, per 2 ore. E poi ci sarebbe stata la partenza verso l’ospedale. Date tali caratteristiche le mie erano sicuramente "false"! Tuttavia mi apparivano sempre più dolorose, tanto da farmi pensare con timore a quelle "vere". Così ho chiesto a Rocky di soprassedere al suo calcetto serale per starmi accanto. Persistevo nella convinzione di partorire tra il 22 ed il 25, ma mi stavo agitando e sentivo di aver bisogno di sostegno morale. E chi meglio di Rocky avrebbe potuto rincuorarmi e tranquillizzarmi? Questo aneddoto lo raccontiamo entrambi a tutti e ci ridiamo su, ma.. in quel momento io mi sn proprio sentita sola! Infatti, lui è andato a giocare..    E mi sn attaccata al telefono fino al suo arrivo per far finta di sentirmi meno abbandonata..

Quanto a Pierino ed il medico della Saub di cui parla Rocky.. la tv per me era un semplice sfondo! Ero tutta concentrata nella respirazione e nel ripetermi: "Stai tranquilla, tanto il momento del parto è lontano. Non drammatizzare ora o quando sarai in "vero" travaglio.. che farai?". 

Sn talmente riuscita nel mio training autogeno che.. dopo 2 ore, verso mezzanotte, in preda a dolori che non sapevo più com governare e pur nn avendo le contrazioni le caratteristiche di cui sopra, ci siamo recati in ospedale e.. ero già dilatata a 10 cm!! Incredibile!! Proprio io!! E pensare che volevo chiedere l’epidurale!! Ed infatti, in stato di completa confusione, l’ho pure richiesta mentre andavamo di corsa in sala parto!! Penso medici ed infermiere ci stiano ancora ridendo su..

Per il resto.. ho partorito in meno di un’ora ed ho scoperto di avere una voce particolarmente forte quando urlo.. Fortunatamente non ci sono state complicazioni, ma mi hanno praticato una gradevole episiotomia (una quindicina di punti interni e 4 o 5 esterni). Quando effettuavano il loro ricamino, per distrarmi un pò mi hanno piazzato Francesco sul petto ed infatti mi sono concentrata solo su di lui! La gioa e l’emozione provate sono state indescrivibili e quell’istinto materno che mai avevo sperimentato.. si è rivelato improvvisamente e con tutta la sua forza ed energia. Non so perchè, ma mi sn sentita più forte, sicura e determinata.. tutto d’un tratto..

Nonostante il mio parto sia stato breve e senza complicazioni, per me è stato un’epopea interminabile..non lo so, sarà che non ci si accontenta mai di ciò che si ha, di cosa si vive, proprio non so spiegarmelo. Cmq.. come non si può negare il forte dolore fisico (e pensare che è tutta colpa di Adamo ed Eva….), così neppure il grande piacere di congiungerti con il piccoletto, di stringerlo, di poterlo allattare..

Consapevole che ognuna la vive a suo modo, posso solo aggiungere che i momenti per me più delicati sono stati quelli della fase delle spinte e l’episio (sopratt per le implicazioni nel post parto). E poi.. "tutto il resto è noia"!! Ed è così arrivato il nostro piccolo tigrottino..

Baci!