Dal punto di vista psicologico rafforza la relazione col genitore e accresce la fiducia in se stessi. Così anche noi domenica mattina ci siamo imbarcati in questa nuova avventura…Lorenzo è entrato in acqua con papi (che era decisamente più felice di lui….) per i primi 30 minuti ha scrutato tutto l’ambiente intervallando la sua curiosità a pianti di solidarietà…sempre rigorosamente avvinghiato al papà o all’istruttrice. Negli ultimi 10 minuti ha iniziato ad essere attratto da qualche gioco presente in piscina, a regalare qualche sorriso ed ha sperimentato la sua prima immersione… alla fine, stremato dalla sua prima giornata in piscina, si stava addormentando in acqua accoccolato all’istruttrice. Dopo un breve pianto per l’uscita dall’acqua (o chissà forse perché gli abbiamo interrotto il pisolino…) e tante urla sul fasciatoio è finalmente tornato tra le braccia di mamma dove si è addormentato seduta stante….

L’attività in acqua è una magica esperienza ludica attraverso cui il bambino rinforza il sistema cardio-circolatorio, respiratorio e l’apparato scheletrico. La prossima domenica riproviamo l’esperienza sperando che Lorenzo si impicci di meno e giochi di più!!!!