RICORDI DI GIOVENTU’

Scritto da Viviana ... il 06 Giugno 2014

Stamattina, mentre ero in coda nel traffico per andare al lavoro, sentivo alla radio che parlavano della prima ondata di caldo estivo e delle imminenti vacanze, complice la chiusura delle scuole.
E intanto pensavo tra me e me: effettivamente oggi fa caldissimo. Poi ho realizzato che era pure venerdì e quindi sono andata indietro con la memoria a quando avevo 20/25 anni, complice anche la canzone che stavano trasmettendo, “Soffro lo stress” proprio di quegli anni. In quel periodo della mia vita in cui, in una giornata del genere, sarei stata super elettrizzata da questo connubio primo caldo + week-end, non vendendo l’ora di uscire dall’ufficio per partire come un razzo verso la casa sul lago di Garda e darmi a 2 giorni di feste in piscina e balli in discoteca.

Poi penso ad ora…che differenza!!! Un’altra vita, un’altra persona! Ora, a 35 anni, la cosa non mi tocca per nulla e ho molto vagamente in testa solo l’idea del primo compleanno del mio piccino che festeggeremo domenica, ma a dire la verità questa cosa mi causa più stress che entusiasmo e il caldo mi spossa del tutto.
Bei tempi andati! Ma ogni cosa ha il suo tempo o come dice in dialetto mio nonno contadino di origine cremonese “Zucche e meloni alla loro stagione!”. Ma mi sento in pace con me stessa: finchè ho potuto mi sono divertita, mentre ora sono presa tra lavoro, bambino piccolo e infinite problematiche di salute e famigliari.

Però mi ha fatto strano questo flash, in cui mi sono vista nella mia vecchia Agila blu, andando al lavoro e pensando ad una cosa talmente diversa da quella di oggi, con emozioni così contrapposte.

E voi? Vivete l’arrivo dell’estate con lo stesso entusiasmo di sempre e anche per voi le cose sono cambiate così radicalmente





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Il diario di Viviana».

Commenti

2 commenti a “RICORDI DI GIOVENTU’

  1. Direi che tutto è cambiato radicalmente ma… ci sta. Se torno indietro mi vengono in mente dei bei ricordi ma… anche i momenti attuali non sono niente male. La differenza è, come hai scritto, lo stress. Adesso è uno stress meno sano di un tempo dove al massimo c’erano gli esami o i compiti da fare. No, adesso è uno stress malsano fatto di lavoro che va così così e impegni a destra e sinistra. Prima ero per strada e ho dovuto sforzarmi per rallentare e respirare più a fondo perchè… che diamine, va tutto bene, tutto quello che non va bene si potrà sistemare e… godiamoci la vita…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2019 Bravi Bimbi