E così ci siamo….

Scritto da Gabrial il 29 Ottobre 2010

Eh si, ora sono sola!

E’ da ieri che sono di nuovo sola in casa, io ed il piccolo….la mattina porto il grande a scuola ed il resto della giornata fino alle 16 e 30 siamo soli in casa, tra una poppata e l’altra mi porto avanti i lavori di casa e mi organizzo per la cena, così che il pomeriggio, visto le splendide giornate in corso, posso restare al parco giochi almeno fino alle 18 con entrambi i cuccioli, così il grande gioca una volta finita la scuola ed il piccolo respira l’aria fresca di questo autunno inoltrato…poi si torna a casa e, sempre fra una poppata e l’altra, si fa il bagno e la cena per il grande ed ecco che finalmente si arriva alla sera ed il papà rientra, sempre stanco, a casa….e fra una chiacchiera del grande e l’altra, e fra una poppata ed un ruttino del piccolo si riesce a scambiare mezza parola e si cena….poi il mio sonno arretrato ha la meglio, si porta il grande a nanna e si approfitta che il piccolo dorme per dormire pure io….ed ecco che la giornata è finita.

Una routine snervante in realtà, non c’è mai tempo per altro….ed il senso di solitudine incalza eppure quando arriva la notte e mi alzo per allattare….quando finisco e faccio il giro per controllare che i miei tre uomini dormano e siano coperti resto diverso tempo a guardarli dormire e dopo tutto mi rendo conto di avere una bellissima famiglia, due bimbi che adoro letteralmente ed un marito (che scherzosamente considero il “il terzo figlio adolescente”) che amo cn pregi e difetti al seguito….poi arriva il giorno e tutto ricomincia da capo….le giornate trascorrono via una dietro l’altra ed immancabilmente si avvicina il mio compleanno e con esso un senso di malinconia per la gioventù andata a farsi friggere oramai….

Non mi ricordo più che vuol dire uscire per un’aperitivo o per una serata per locali con amici….non ricordo più come ci sente ad uscir soli con il proprio compagno…o ad alzarsi la domenica mattina a mezzogiorno per guardare il gran premio a letto mentre si fa colazione….non esistono sabati o domeniche ne sere di libertà, solo lavori di casa da mandare avanti, bollette da pagare, cene da cucinare e panni da stirare che sembrano triplicarsi nella cesta ad ogni ora…e naturalmente discussioni per i soldi che non bastano mai fino a fine mese neanche a dirlo….e l’inesorabile trascorrere del tempo…meno venti giorni e sarò più vecchia di un’altro anno 🙁





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Il diario di Gabrial».

Commenti

4 commenti a “E così ci siamo….

  1. gabrial oggi mi sono sentita prp uguale a cme ti descrivi tu! veramente è da quando è nata la piccola ke anke la mia vita sociale si è azzerata! le miei unike uscite sono al parco spesa e qualke volte nonni! insomma deprimente dato ke ho solo 26 anni! xò poi guardo il mio capolavoro e dico vabbè alla fine le altre cose si potranno sempre fare ma questi mesi ki me li ridarà piu…è vero sono esaurita e stanchissima…xò ho un bella famiglia! ti abbraccio imma

  2. Questo post pieno di verità e di malinconica dolcezza mi è tanto piaciuto perchè racconta senza fronzoli ma anche con grande amore la vita di una doppia (ops tripla :)) mamma, con le sue gioie e i suoi sacrifici.
    A giorni mi arriverà il secondo bimbo e leggere dell’esperienza di altre mamme con onestà e schiettezza mi aiuta tanto … certo un po’ anche forse mi spaventa ma il sentire come non siamo sole ma siamo in tante e tutte più o meno sole, stanche ma anche orgogliose e felici della propria famiglia è un grande incoraggiamento!
    Grazie Gabrial.

  3. proprio in questi giorni parlavo cn il mio marito di come la nostra vita sta per cambiare(penso più la mia xò..) cn l’arrivo dei gemellini!siamo sempre stati 2 dormiglioni,ci piace stare anke tutto il giorno sul divano a nn fare niente!tra poco finita la pacchia. x le uscite cn le amiche nn ci voglio nenake pensare,diventerrano impossibili…
    cmq nn vedo l’ora k arrivino lo stesso!

  4. Non c’è da fare molti fronzoli, come ogni cosa di questo mondo c’è il rovescio della medaglia, da un lato si è fieri di questi piccoli ragnetti che mettiamo al mondo, è bellissimo vederli crescere e accompagnarla in questo pazzo mondo, insegnargli quanto più possibile pregando di riuscire a fare un buon lavoro, dall’altro la vita di noi donne cambia così drasticamente e inesorabilmente che arriva sempre il giorno in cui ci si guarda allo specchio chiedendosi “ma io che fine ho fatto?!”
    O almeno capita a me, mi guardo trovandomi più vecchia di dieci anni, con due figli da crescere, le occhiaie per le nottate e le ciucciate, l’odore di pannolini sempre addosso e mi chiedo che fine abbia fatto la ragazza matta che andava in discoteca tutti i weekend!? Quella che tutte le amiche chiamavano per le uscite pomeridiane e le seghe a scuola….quella che dormiva fino a tardi la mattina e si godeva il gran premio nel lettone?!
    C’è sempre un momento in cui non ci si riconosce più, poi però se guardo quei due angioletti dormienti e mi riconosco nei loro occhi….semplicemente il tempo passa e tutto cambia, tutto si trasforma….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2019 Bravi Bimbi