e fontana. Adesso questo salone sembra ancora più piccolo di quello che è, ma è infinitamente più caldo ed espressivo. E finalmente a questa tarda ora c’è un pò di silenzio,si sente solo la pioggia fuori che va ininterrotta da giorni. Soli, io e il piccolo pulcino che aspetto!! Che evento. 

Due giorni fa ho dovuto ripetere un’ecografia, perchè l’ospedale dove farò l’amniocentesi ne voleva una tra la 15° e la 16° settimana, e non andava bene quella del b-test. Non vedevo l’ora. Perchè adesso che le nause non ci sono più, ma non sento ancora chiaramente i suoi movimenti, sono praticamente senza certezze concrete a dirmi che va tutto bene. Il mio ranocchietto era sul monitor, bellissimo come sempre, tutto raggomitolato in non so che posizione…ma comunque non abbastanza raggomitolato da non far dire con certezza all’ecografa che si tratta proprio di un maschietto. E così mia figlia maggiore ha definitivamente abbondonato l’idea di andare a cercare un intero corredino rosa con Hallo Kitty:ha un pò brontolato, ma poi lo sa, a madre natura non si comanda. Ad un certo punto del’ecografia si è inquadrato il profilo, ed io ho avuto la sensazione di trovare una somiglianza con Francesco, ma mio marito mi prende in giro e dice che sono suggestioni mie. Eppure…vedremo. In ogni caso mi sembrava proprio delizioso, questo piccolo omino coraggioso, che non si è fatto intimorire da niente:altro che settimane di minaccie d’aborto! Eccolo li, tutto perfetto e regolare. Anche la placenta è bene impiantata, il liquido amniotico abbondante, e tutto procede a meraviglia.

Certo, vorrei avere un pò più di tempo per stare "mentalmente" con il pulcino:vorrei iscrivermi ad un corso in piscina per gestanti, vorrei scrivere, leggere, starmene tranquilla. Ma questo piccino arriverà in una casa un pò affollata, credo sia meglio che si abitui sin da ora. E io credo di dover imparare a trarre il meglio da quello che posso. Quello a cui non arrivo è inutile starlo a sognare…

Il 19 dicembre avrò l’amniocentesi;manca praticamente una settimana. E siamo già nel caos dei preparativi, per capire chi terrà Francesco, il piccolino, chi cucinerà, chi farà la spesa…prevedo tre giorni di "panico"! Ma non aspetto altro che di togliermi questo pensiero, visto che, anche se sono sicura dell’ospedale in cui vado, un pò di paura c’è sempre. Quanto al risultato…per quello mi sento fiduciosa. Andrà benissimo!