di convincerlo a giocare ma lo vedevo spaesato, confuso. lui quando è a disagio si soffia le mani,e io me le mangerei. so che gli fa bene sia fisicamente che per aiutarlo a stare con gli altri bambini. anche a scuola,questo è il secondo anno,non ha un compagnetto preferito,si mette lì nel banchetto e gioca da solo. quando cominciano un gioco nuovo lui va in panico,s i rifiuta di farlo per paura di sbagliare.
io gli dico che non c’è bisogno di saper fare tutte le cose per forza e che basta imparare e divertirsi. so che il percorso ospedaliero che ha fatto non lo ha aiutato e forse questa insicurezza viene da quello. ma cosa fare,spronarlo o lasciar perdere. boh mi trovo spiazzata e so che questa è solo la punta dell’iceberg da ora in avanti sarà tutto in salita. ieri mi faceva una tenerezza,e avrei voluto portarlo via,di corsa però ero combattuta.

per ora lo porterò almeno per un mese, vediamo che cambiamenti e se ci saranno, farà. poi decideremo.

voi cosa ne pensate?