In realtà la morfologica l’abbiamo fatta venerdì 13 aprile ma la tua mamma è stata così indaffarata che solo ora riesce a scriverlo nel suo diario!

Un po’ di paura c’era.. però ti avevo visto 10 giorni prima ed eri un terremoto piccolo mio, come potevi non essere perfetto?!

Arriviamo in ospedale.. appuntamento alle 9:10 ma ci mettiamo 20 minuti per capire dove caspita si deve andare per quest’ecografia.. passiamo dal reparto ginecologia, poi dobbiamo scendere e risalire da un’altra parte perché un’ala è chiusa.. poi alla fine ci indicano finalmente la strada.. e io mi chiedo: ma non sarebbe più facile segnare il reparto direttamente sul foglio dell’impegnativa? 😀

Arriviamo e ormai una ragazza è dentro a fare la morfo.. fuori vediamo la mamma che racconta alla suocera che il piccolo sta bene ma che il sesso non si vede! E noi pensiamo.. che fortuna tu ti sei mostrato in tutte le tue “grazie” senza nemmeno chiedertelo! 😀

Aspettiamo e aspettiamo.. però mi sento serena, con il tuo papi vicino io mi sento una leonessa.. ho un po’ di debolezza, non ho mangiato a colazione perché pensavo di agitarti troppo.. che magari non stavi fermo (questo a causa della scorsa eco dove mi tiravi calci, saltavi e secondo me ti allenavi per l’atletica leggera!!).

Finalmente dopo le 10 entriamo.. e per fortuna c’è di turno proprio lei: la mia ginecologa!! Ci conosce quindi siamo proprio sereni!

Mi stendo sul lettino, gel impastrocchiante sulla pancina e via di ecografo.. ma come?! Oggi te la dormi!

Eh si.. passiamo mezz’oretta a prenderti misure di vario genere, a controllarti tutti gli organi, la testolina, il pisellino (sei sempre più inconfondibilmente maschietto!), le gambette, le ditina delle mani.. ma ecco, ti piazzi con le manine sul faccino come a dire: ma la finite che io voglio dormire?! 😀 e infatti a nulla servono gli “spintoni” dell’ecografo sulla mia pancia (povera me!), lo sballottolamento, il tentativo di farti svegliare.. nulla, te la vuoi proprio dormire!!

A quel punto la gine mi fa pulire e mi dice di passare a prendere una cosa dolce al bar sperando che gli zuccheri ti stimolino il movimento.. le confesso di non avere fatto colazione e mi dice che è decisamente il caso che vada a mangiare! Allora andiamo e nel giro di 10 minuti siamo tornati, dopo una briochina calda con marmellata spero che la voglia di fare un po’ meno il monello ci sia..

Niente da fare!! 😀 A fatica riesce a muoverti abbastanza per controllarti il cuoricino, i ventricoli, tutto quanto a posto! Però non ti giri abbastanza per farti controllare il profilo.. manca giusto quello, per la zona tracheale.. e allora la gine desiste e ci ridà appuntamento al 26 aprile alle 10 e 30.. stavolta la mamma farà colazione, promesso!! 😀

E dire che la scorsa volta eri un tale birbone che non ti si frenava.. insomma, la mattina te la dormi fino a tardi.. non sarà che stai prendendo troppe cose dal tuo papà?! 😀

Per fortuna comunque tutto l’indispensabile c’è e per ora va a gonfie vele.. l’unica cosa che la gine ha notato è che una delle arterie che ti porta sangue è un po’ lentina e questo, a quanto pare, aumenta un po’ il rischio di sviluppare una gestosi ipertensiva.. quindi la mamma deve controllare doppiamente la pressione (per ora perfetta), stare attenta al peso e fare una flussimetria fissata per il 7 giugno! Ma per ora tutto procede benone!

Durante la settimana è andato tutto benone, io mi sento benissimo (un po’ stanca a volte ma per il resto sto alla grande!) e ieri ho provato una delle emozioni più meravigliose ed eccitanti di tutta la mia vita.. ti ho sentito dentro di me!

Era qualche giorno che avvertivo leggere contrazioni uterine, niente di che.. ieri pomeriggio mi sembrava di avvertire qualche movimento, qualche spostamento.. sfarfallio forse.. poi dopo cena ti sei scatenato! 😀 anche se sei piccino i calcetti, i pugnetti (di preciso quello che agiti non lo so!) erano proprio belli distinti e decisi! Anche oggi mi hai tenuto compagnia.. e persino ora che scrivo ti sento muoverti e farti spazio nel tuo piccolo antro per dormire comodo!

Che emozione immensa.. è una cosa indescrivibile sentirti vivo dentro di me.. il tuo papi non la potrà mai provare e mi spiace per lui, per tutti i papà del mondo.. sentirlo da fuori è magnifico, ma sentirlo dentro è qualcosa che non potranno mai provare.. ed è qualcosa per cui affronto volentieri le pene del parto e le fatiche della gravidanza!! 😀

Ed eccoci qui.. io e te, mio piccolo Davide, principino azzurro della mia vita, a 20 settimane tonde.. solo noi due insieme 🙂