Devo scrivere qualcosa se no esplodo…

ebbene neanche il tempo di dare sottovoce la notizia che ho iniziato con perdite che mi hanno portato subito allo sconforto totale. Al pronto soccorso, dove sono corsa per due volte, il battito c’era ancora il 31 agosto, seppur flebile…ma non riuscivo a consolarmi, mi ero preparata all’evenienza che si è realizzata la notte fra il 1 e il 2 settembre. Stavolta è stato “naturale”, ed è incredibile come la natura provveda da sola. A cosa non so, ma ha provveduto…l’ho sentito distintamente e con dolore staccarsi da me, ed uscire la mattina dopo, in bagno…andato…

Passo da momenti in cui sono carica come una molla e vorrei andare subito a fare  gli esami necessari a capire perchè, a momenti in cui penso a dover affrontare una terza gravidanza con il punto di domanda e mi viene il panico. Poi ho momenti di tristezza, momenti in cui penso che non ritroverò più la forza di riprovarci, anche se so che è quello che più desidero e che sicuramente lo farò. E in tutto questo il tempo passa…