A diciotto anni sono andata via di casa, dal piccolo paese pugliese, non perchè mi stava stretto o perchè la mia famiglia non mi piacesse, l’ho fatto per trovare gli strumenti per crescere e cambiare, e magari dare un contributo positivo alla mia famiglia, per renderli fieri e perchè, onestamente…a diciotto anni ero piena di sana ingenua sfrontatezza e incoscienza, senza, non mi sarei mossa da casa.
Il percorso è stato lungo, ci sono anni di vita in condivisione e da sola, anni in America e la fermata a Roma, un pò per amore: per la città, per la cultura, per un ragazzo e per quello che ero diventata; un pò per necessità: il lavoro….nonostante avessi tappezzato tutta l’Italia con il mio fierissimo CV, Roma mi apriva alcune porte….

Sono rimasta per amore e perchè, nonostante cercassi alternative, non ne avevo….ma non mi sono fermata, non credo lo farò mai.

Moglie, mamma di Laura, una piccoletta di quasi venti mesi e….di nuovo incinta….da poche settimane…

SSSsssssst, non diciamolo a nessuno, perchè, fatta eccezione per la mia mamma, mio marito (….l’amministratore di condominio, il titolare dell’agenzia immobiliare, la mia vicina, tutte le mie colleghe, il mio datore di lavoro, il mio ginecologo, la ecografista, il ragazzetto che rifornisce le macchinette automatiche del lavoro….) non lo sa nessuno…! Come dite? non vi sembrano poche queste persone? Beh, mancano i miei suoceri….e sto pensando se è il caso di mandar loro un messaggino direttamente alla nascita! NNOOOOoooooOO, non è cattiveria, fidatevi, anche il Dalai Lama mi darebbe una pacchettina sulla spalla e mi direbbe “Fai bene cara,ehm…sei proprio sicura che vuoi mandarglielo sto messaggino?!”….si chiama “Spirito di Sopravvivenza”…