Ciao a tutti!!!
Sono davvero tanti tanti anni che non aggiorno il mio diario e alla maggior parte delle mamme attualmente attive sul sito il mio nick non dirà nulla.

Ho appena letto però il post di Margherita e non posso non associarmi al suo senso di perdita, unita alla sensazione che tante cose belle ci aspettano da questo momento in poi.

Si parla ovviamente della fine della scuola materna e dell’inizio dell’avventura delle elementari: vi risparmierò il “sembra ieri che scrivevo qui della gravidanza, etc”, anzi, non ve l’ho risparmiato, quindi amen…

Però l’effetto è esattamente quello: una palla che rotola su un piano sempre più inclinato e sembra sfuggire ad ogni tuo tentativo di afferrarla. Un tempo che non ti accorgi neppure quanto impercettibilmente innalzi l’inclinazione del suddetto piano, ma lo fa in modo implacabile, e i suoi effetti sono dirompenti…

Cosa dire di me, rispetto al vecchio diario?
Non c’è più neppure il mio amato babbo da badare ormai da qualche mese, e quindi la mia giornata è tutta da riempire, almeno fino a quando Calimero (i suoi amichetti hanno soprannominato così mio figlio perché ogni giorno fa qualche invenzione, finora solo con carta, forbici, colla e colori, ma non dubito che appena potrà mi smonterà casa…) non torna tra le quattro mura.

In realtà, non ci sta molto visto che, dopo la scuola, vuoi non andare al parco con gli amici? vuoi non stare due-ore-due davanti alla voliera degli uccelli, sempre al parco, per osservare il comportamento degli uccellini? Vuoi non sfrecciare sulla bici, ormai già dall’anno scorso senza ruotine, facendo banda con gli altri suoi degni comparetti? “Vai a parlare con le altre mamme, dai!”: per la serie, “A’ ma’, e famme vive!”. Che dire…ammetto di avere un certo timore dell’ignoto, alla prospettiva del 15 settembre. E ne ho ancor di più del tempo che passa e del sapere che ogni giorno sarà un riprogrammarsi, come un navigatore satellitare che deve adeguare la rotta in base agli sbagli del conducente.

Chi c’è già passato cosa può dirmi?

Cosa mi aspetta?

Un abbraccio a tutte voi e soprattutto alla Barbafamiglia!