Ti sei divertita un mondo a dare briciole di pane alle anatre e c’era anche il brutto anattroccolo (già diventato cigno) e poi, in val camonica abbiamo visitato un mulino vero. Era affascinata guardando quella ruota enorme che faceva girare la macina e abbiamo acquistato la farina per farci una bella polenta (che ti sei gustata con piacere). Che meraviglia vedere i tuoi occhietti pieni di entusiasmo…….hai camminato con noi da mattina a sera, concessa una tappa per ogni parco giochi incontrato (devo dire che sul lago d’Iseo ce ne sono parecchi e molto carini), hai mangiato pranzo e cena al ristorante senza doverti rincorrere troppo, abbiamo scoperto che adori il prosciutto di cervo e il brasato con la polenta.non sarà troppo?.

Poi la sera, una bella doccia ed esausti per la giornata intensa ci siamo addormentati tutti e 3 nel lettone…………che bello, stare lì senza orari e senza pensieri dei lavori da fare la mattina…….

L’Hotel era molto accogliente e aveva anche la radio in filodiffusione che ovviamente hai scoperto tu perchè mamma non avrebbe mai notato quel piccolo pulsantino sul muro, e soprattutto la camera aveva una chiave magica, bastava farla passare davanti una lucina e la porta si apriva e tu che ancora adesso credi di essere una piccola maga: che ridere!

Peccato sia già passato………speriamo ci saranno ancora mille occasione come questa perchè la tua gioia e il tuo amore sono il nostro pane.

Ti amo.