Ho letto i vostri post, vi ringrazio molto per il sostegno che mi date, è strano parlare di una situazione così intima con persone di cui non conosci il viso… ma voi siete proprio carini e gentili! Non mi sento più forte degli altri perchè non mi sono persa d’animo… diciamo che l’ho vissuta nella maniera più razionale e scientifica che conoscevo e non è stata proprio una passeggiata per me, del resto l’alternativa era disperarsi e perdere tempo… e se l’obbiettivo era avere un figlio… non me lo potevo permettere!

Poi devo essere sincera, accanto a me ho un uomo speciale! Mio marito è una persona di grande cuore, mi da sempre un gran sostegno per qualsiasi cosa anche per le idee bislacche che ogni tanto mi girano in testa,  e soprattutto per questa vicenda.

No potrei chiedere di meglio, è serio nelle cose che fa, soprattutto sul lavoro, ma allo stesso tempo mi fa sempre ridere… è dolce e mi coccola ma quando mi deve rimettere sulla strada giusta non conosce mezzi termini… è sensibile, più di me sicuramente, ma solido come una roccia… e non da meno è anche bel tipo… interessante, intelligente… e mi aiuta in casa! Beh così sembra l’uomo perfetto, diciamo che per me lo è… è il mio alter ego, ma per un’altra non andrebbe affatto bene….!

Noi siamo due anime gemelle, io sono la parte impulsiva, irrazionale, artistica e che non sa fare i conti… e lui è il mentale, erudito, logico e che non sa fare le cose manuali (ma ci prova)!

Quando ci siamo trovati a vivere queste perdite e non da meno la vicenda di mio papà, ci siamo sostenuti e spronati, abbiamo fatto delle scelte di vita, insieme, sempre! Senza di lui non varrei neanche la metà di quello che sono!

Sarà un ottimo padre… ne sono certa e sinceramente spero tanto che prenda tutto da lui…. magari le doti canore e artistiche è meglio che le prenda da me… ma per il resto vorrei un mini-me di mio marito! Anche perchè io da piccola ero una disperata… non so come possano avermi sopportato i miei genitori!

Simona