ancora di più, ogni giorno ci domandiamo come sarà, a chi assomiglierà e così via, senza dimenticare le conitue domande che parenti ed amici si fanno dato il mix culturale che ci appartiene. Ammetto che se il nostro bambino non avesse della caratteristiche africane ci rimarremmo un po’ male, ma al momento possiamo solo giocare con la fantasia, l’importante (e questa non è un frase fatta) è che sia sano.

Purtroppo non tutto è stato così semplice per noi, in realtà a marzo di quest’anno io aspettavo un bimbo ma all’ottava settimana le cose non sono andate bene e così lo abbiamo perso. Grazie a Dio abbiamo superato la cosa in modo sereno, tanto più che ci sentiamo tranquilli a parlarne. E poi dopo poco la ns pazienza ha avuto il suo frutto ed eccomi qui a parlare della mia gravidanza. Per ora sta andando tutto bene, tre ecografie fatte e la ginecologa ci ha sempre lasciati con un sorriso. Il 2 dicembre sapremo il sesso (anche se NiIgel non è molto favorevole) ma per me è molto importante visto che con questo frugoletto già ci parlo (e non poco). All’eco verranno anche i miei genitori, è un regalo che abbiamo deciso di fare loro visto che l’anno scorso abbiamo rischiato di perdere mia madre, insomma vogliamo darle un motivo in più per lottare e credre nella vita, e cosa c’è di più bello di un bimbo in arrivo?.

Ora vi saluto, spero di non avervi annioate ed alla prossima. Un bacio a tutte. Ale.