conoscere nessuno e senza ancora un lavoro dato che mi ero laureata qualche mese prima del matrimonio, non mi hanno aiutata di certo.

Dal nostro viaggio di nozze in Brasile, sia io che Fede ne siamo usciti malconci: ci siamo beccati dissenteria io e bronchite lui a partire dal sesto giorno di viaggio  e ce lo siamo portati fino in Italia ma questo non ha impedito a Leonardo il suo viaggio per arrivare a noi!!! Eh si, al ritorno dal viaggio di nozze già lo aspettavamo ma nessuno dei due l’immaginava dato che attribuivamo certi malesseri miei ai postumi brasiliani!!!!

Dopo qualche tempo ci siamo decisi a fare il test e così ne abbiamo avuto la conferma… ecografia di 6 settimane e quel piccolo minuscolo “gamberetto” aveva  già un cuoricino che batteva all’impazzata e ci annunciava la sua inaspettata presenza.

La mia prima gravidanza è trascorsa felicemente, con un marito molto premuroso, con nessuna nausea e nessuna preoccupazione di sorta: sono stata sempre bene, acidità a parte, e il mio primo parto (voluto fortemente a Perugia) è filato liscio come da manuale. Non ho sofferto molto e ho partorito naturalmente.

Non abbiamo voluto sapere il sesso del bambino anche se tutti i nostri parenti ne erano a conoscenza dato che alla morfologica mia suocera, collega del ginecologo, è venuta con noi facendoselo dire. Non avevo particolare curiosità perchè ero strasicura di aspettare Leonardo…. lo avevo sognato e sentivo questa cosa molto forte dentro me e…. così è stato!!!!

Ho avuto un allattamento intenso e appagante anche se molto stancante (Leo ha mangiato ogni 3 ore per 6 mesi) e fino a 10 mesi non ha mai preso latte diverso dal mio. Ora ha due anni e sette mesi ed è un bimbo sereno, affettuoso e forte con una spasmodica passione per le macchine…come suo padre e suo nonno. Leo somiglia molto a Fede e ciò mi è sempre piaciuto molto perchè ho sempre avuto il desiderio di avere un figlio uguale a lui!!!

Essere moglie prima e mamma poi, è la cosa più appagante e meravigliosa che mi potesse capitare: vedere che tu sei un pezzo così importante della vita delle due persone che ami e con le quali vivi, è la cosa per la quale ringrazio Dio tutte le mattine di avermi messa al mondo. Sentire il loro amore, vedere  il bene dei miei genitori e dei miei fratelli verso Leo e vedere nei suoi occhi lo stupore, il timore, l’amore e l’attesa per qualcosa che gli piace è meraviglioso… 

Pensare a come rendere felici i miei due uomini è il mio motivo di risveglio la mattina e amo prendermi cura di loro…

 Non abbiamo mai pensato di avere solo un figlio e così avevamo già pensato da tempo ad un secondo, unico traguardo da attendere il trasferimento a casa nuova a marzo… 

Stavolta lo abbiamo cercato e a luglio 2008 abbiamo scoperto di aspettare il nostro secondo genito: Sara o Alessandro!

Gravidanza molto diversa dalla prima: a due settimane dal concepimento, la sera avevo sempre la nausea che mi ha poi accompagnata per i primi canonici tre mesi, niente sonnolenza iniziale come per Leo e niente acidità fino a due mesi fa.

Anche per lui/lei non abbiamo voluto sapere se fosse un maschietto o una femminuccia ma con la differenza che stavolta non lo sa proprio nessuno!!!!!  

Stiamo attendendo la sua nascita da 36 settimane e sono già a Perugia per l’attesa del parto mentre Fede fa su e giù tutti i fine settimana.

Questa volta siamo proprio curiosi di sapere se Leo avrà un fratellino o una sorellina anche perchè, stavolta, non ho particolari sensazioni.

Siamo felici… spesso quando siamo tutti e tre e mezzo in macchina, io e Fede ci giriamo verso i sedili posteriori e guardando il nostro Leo ci diciamo:”tra un po’ diremo: bambini tutto bene? e non più Leo tutto bene?…” …

Il solo pensare questo ci emoziona e ci esalta: fa tanto famiglia!!!!

E’ ormai tardi ma ci tenevo ad iniziare questo racconto di me per condividerlo con voi, con le quali sto vivendo questo momento così delicato, particolare ed intenso come l’ultimo periodo di gravidanza.

Il mio pensiero va soprattutto alle ragazze della 36esima settimana con le quali spero di non perdere i contatti dopo la nascita dei nostri cuccioli.

Rosa