Come è giusto che sia i tuoi figli hanno sempre voglia di giocare e, il gioco, che talvolta è una vera e propria sfida con sè stessi, arrichisce il vocabolario, allena i sensi e le proprie capacità psico motorie.
Esercizio e curiosità non faranno altro che stimolarli.

Se fuori fa brutto e non si può andare al parchetto… che cosa facciamo in casa?

Possiamo suggerirti noi 6 giochi da fare tra le mura domestiche? Bene.

Papà e mamma… pronti a giocare con i vostri bambini?

  • CUBI DA IMPILARE (18 mesi – 3 anni)

E’ il gioco più semplice che più semplice non si può! 😀
Nelle scuole montessoriane viene utilizzata la cosdìdetta “Torre Rosa” che è composta da cubi di legno di grandezze progressive; a casa, se non hai delle forme di legno da impilare, puoi utilizzare dei semplici bicchieri di plastica. Metti sotto magari un tappetino. Fagli eventualmente colorare a mano i bicchierini di plastica.
Questo gioco molto semplice aiuta la coordinazione oculo-manuale, educa il senso visivo alle grandezze e alle proporzioni oltre che a irrobustire la muscolatura della mano e delle braccia.
La gioia che vedrai negli occhi del tuo bambino quando la butterà giù… è impagabile! 🙂

cubi da impilare

  • LA SELEZIONE DEGLI OGGETTI (DA 2 A 5 ANNI)

La selezione degli oggetti, a seconda della forma, del colore, delle dimensioni o di altre proprietà fisiche è un’attività utilissima che induce i bambini a prestare attenzione e a fare delle scelte logiche. Procurati oggetti di diverse forme: bottoni e pasta di diverse forme sono quelli che dovresti avere a portata di mano. Mettili tutti in una scodella e poi chiedi di dividere le forme al tuo bambino: i bottoni da una parte, la pasta dall’altra. I bottoni neri di qui, quelli rossi di là. E così via. Attenzione alla voracità dei più piccoli: non vogliamo che se li mettano in bocca giusto? 🙂

bottoni

  • I PUZZLE DI LEGNO SEMPLICI (da 2 a 5 anni)

Sono divertenti anche per i più grandi. Non stiamo parlando di tesserine da incastrare tra di loro, ma di una serie di sagome perforate e più insieme di pezzi. Se il tuo bambino a meno di 4 anni, scegli puzzle con un grosso pomello su ogni elemento.
Come il gioco precedente, anche questo allena la memoria, la coordinazione e il senso visivo.
In commercio ce ne sono di tutti i tipi: scegli quelli magari con forme di oggetti reali, in modo che tuo figlio comincia già a fare delle associazioni mentali.

puzzle di legno

  • LE CARTE UGUALI (da 3 a 5 anni)

Ce l’hai uno o due mazzi di carte in casa? Bene, faglieli mettere in disordine (gli piacerà un sacco) e poi fai a gara con lui: chi ne trova di più uguali (per colore e per seme), vince! Tre, due uno… via! 🙂
Se al gioco partecipa tutta la famiglia… si può eleggere un giudice che, scegliendo per primo una carta, chiederà ai due sfidanti di trovare quelle uguali.

carte da gioco

  • IL GIOCO DELLE COPPIE (da 3 a 5 anni)

Questo gioco aiuta a potenziare la memoria visica e le capacità di riconoscimenti degli schemi. Puoi acquistarne di diversi tipi ma, ancora una volta, ti suggeriamo di preferire quelli con forme geometriche o immagini semplici, di immediata comprensione. Volendo… potete anche realizzarlo da soli: un foglio di cartoncino diviso in 16 quadrati, liberate la fantasia e il gioco è fatto. 🙂

Mano a mano che tuo figlio diventerà abile in questo gioco, ti converrà preparare nuove carte con altre forme o immagini e aumentare la difficoltà dell’esercizio aggiungendo altre coppie e sparpagliando le carte anzichè dipoerle in fila.

Ricordando dove sono le carte identiche il bambino allena la memoria e la concentrazione. E qui viene il tasto dolente: è possibile che questo gioco (ma anche gli altri eh!) mettano a dura prova la sua pazienza e concentrazione. Non ti scoraggiare e, soprattutto, non ti arrabbiare se non lo porta a termine. Non deve essere una forzatura ma un divertimento per tutta la famiglia.

gioco delle coppie di carte uguali

  • IL SACCO DEI MISTERI (da 3 a 6 anni)

Prendi un semplice sacco di tela, una busta della spesa o qualcosa di capiente dove il bambino possa infilare la mano senza vederne, da fuori, il contenuto. Per giocare, procurati una serie di piccoli oggetti che il bambino sappia riconoscere e di cui conosca il nome: chiavi di casa, cucchiai, una moneta, conchiglie, una macchinina, un cubo, un frutto etc etc.
Deve indovinare gli oggetti solo usando il tatto. Se non si oppone, bendalo.

il gioco del sacco dei misteri

Per alcuni dei giochi descritti qui sopra, puoi utilizzare quello che hai già in casa.
Per il resto sono giochi molto comuni e che trovi sicuramente in vendita, con un pochino di sconto, tra i nostri partner convenzionati utilizzando uno dei nostri codici sconto. Buon divertimento!