Prima o poi succederà. A tutti è capitato di essere punti da un insetto. Ci sono quelli super fortunati che diranno: “No, a me non mi ha mai punto nemmeno una zanzara!” ma non gli crediamo 🙂

Ad ogni buon conto, che cosa bisogna fare se si viene punti da un insetto?

Se un’ape viene involontarimante schiacciata e ci punge con il suo pungilione? Come possiamo calmare il pianto del nostro bambino? (ma anche quello del marito eh!)

 5 rimedi per fronteggiare le punture di insetto 

  1. Se il pungiglione è ancora dentro la pelle, cerca di raschiarlo con il bordo di una carta di credito. Evita di schiacciarlo, perchè rilascerebbe una maggiore quantità di veleno.
  2. Per calmare il dolore di una puntura di vespa, fai un impacco utilizzando aceto di vino allungato con acqua, mentre se si tratta di un pungilione di un’ape, fai un impacco utilizzando bicarbonato di sodio allungato con acqua.
  3. Prova a rinfrescare la cute infiammata del tuo bambino con dei cubetti di ghiaccio avvolti in un tovagliolo o in un fazzoletto, finchè il suo disagio si sarà attenuato. Se puoi, cerca anche di distrarlo facendogli fare altro o tienilo occupato con qualche stratagemma.
  4. Per alleviare il senso di prurito, applica una lozione alla calamina, oppure utilizza un blando antistaminico adatto per i bebè e per i bambini piccoli.
  5. Se il tuo bambino rimane senza fiato, ha il respiro affannoso o appare confuso, oppure sviluppa uno sfogo cutaneo, devi chiedere con urgenza un intervento medico, perchè, seppure in rare occasioni, le punte d’insetto possono causare gravi reazioni allergiche.