Oggi ho multato una signora incinta per il non uso della cintura. Continuava a ripetermi che, poiché lei era in stato interessante, non aveva l’obbligo della cintura e sosteneva che dello stesso parere fosse il suo ginecologo che anzi, le ha proibito proprio l’utilizzo della stessa.

Cintura di sicurezza in gravidanza

OCCORRE CHIARIRE CHE: se succede un incidente, ciò che diventa pericoloso è il veicolo stesso: le sue parti interne nello specifico. Più ci stiamo distanti e più possibilità abbiamo di rimanere illesi, più gli stiamo vicini e più si realizza l’opposto (…le cinture ci tengono ancorati al sedile proprio per questo…che in parole porvere si traduce nel: “non andare a sbattere”).

Le donne in dolce attesa, a maggior ragione se al volante, espongono il bambino ad un pericolo enorme, molto maggiore di quello che corrono loro stesse: la distanza tra il volante e la pancia si può facilmente calcolare in pochissimi centimetri; anche come semplice trasportata, si dovrebbe render conto che, in caso di impatto, il bambino diventerebbe il suo airbag…e come quello originale, dopo l’urto, probabilmente si sgonfierebbe…

NON ESISTE NORMA CHE ESENTI AUTOMATICAMENTE UNA DONNA DALL’USO DELLA CINTURA SOLO PER IL FATTO DI ESSERE IN GRAVIDANZA (sia che aspetti un bambino, dei gemelli o quanti vogliate).

Esiste tuttavia la possibilità di avere un esenzione all’utilizzo delle cinture, che può essere fatta dal ginecologo (che si spera sia munito di cervello), attestante la problematica all’utilizzo e che deve essere mostrata a controllo.

come mettere la cintura in gravidanzaIo vedo la realtà da un’altra prospettiva ormai e forte, di questo drammatico osservatorio privilegiato, posso osare nel pronunciare un’eresia: “NON USATE LA MACCHINA, SE ASPETTATE UN BAMBINO, NON USATE LA MACCHINA, I RISCHI SONO TROPPI PER SCOMMETTERE UNA COSA COSI’ IMPORTANTE…E SE PROPRIO NON POTETE FARNE A MENO, FATEVI SCARROZZARE DAI MARITI O DA CHI VOLETE E SEDETEVI DIETRO…E ALLACCIATE LA CINTURA, FACENDO IN MODO DI FAR PASSARE SOTTO LA PANCIA IL TRATTO ADDOMINALE DELLA CINTURA STESSA (esistono in commercio, per quattro lire, degli utili cinturini che tengono in posizione la cintura e evitano che cinga la zona ombelicale, con conseguenti forti pressioni, su una zona delicata, anche in caso di semplice brusca frenata).

UN ESENZIONE NON ANNULLA IL PERICOLO, COSI’ COME UN ADESIVO “BIMBO A BORDO” NON VI TUTELA DAGLI IDIOTI DELLA STRADA.

Si può voler bene ai nostri bambini anche prima che lo vengano a sapere.

in collaborazione con Panzeri Claudio, Ass.te della Polizia Stradaleclaudio panzeri polizia di stato