In bicicletta

Scritto da barbapapa il 11 Settembre 2012

mamma in biciclettaFino a 8 anni il bambino va trasportato in bicicletta sull’apposito seggiolino omologato.
Ricorda che se non idossa il caschetto, è praticamente inutile, non sarà per nulla al sicuro.

Usa e fai usare ai tuoi bambini il casco protettivo; una caduta banale, anche da fermo può avere tragiche conseguenze.

Tieni entrambe le mani sul manubrio perchè i bambini non stanno mai fermi.
Non usare il cellulare perchè, oltre a prender la multa, non riusciresti a contrastare correttamente le possibili rotture dell’asfalto.

Non andare contromano. Non bruciare semafori e precedenze. Non siete soli.

Monta i fari sulla bicicletta, davanti e di dietro. Lo sapevi che sono obbligatori per legge?
Sono utili e, soprattutto, vi fanno notare!

Non affiancare camion o autobus, non vi vedranno in caso di svolta.

Non farti trainare mai.

Circolate sempre su un’unica fila.
Solo un adulto, che accompagna un bimbo di età inferiore a dieci anni, può stare al suo fianco sulla sinistra.

P.S.
Nella foto, la mamma porta a spasso i suoi tre figli. Bello che abbia deciso di andare in giro in bicicletta invece che utilizzare l’auto ma… i caschetti dei bambini dove sono?

P.P.S.
Siamo noi a dover insegnare l’educazione stradale ai nostri figli. E’ normale pensare che, quando siamo al parchetto sotto casa, il caschetto al figlio che va in bici non serva. Però se non si insegnano fin da subito alcune cose…sarà più difficile farlo quando cresceranno.

 

in collaborazione con Panzeri Claudio, Ass.te della Polizia Stradaleclaudio panzeri polizia di stato





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Sicurezza stradale» e tag «, , ».

Commenti

3 commenti a “In bicicletta

  1. Sono felicissimo che il nostro impegno possa trovare spazio sul vostro splendido sito.
    Mi permetto di scrivere il primo post, augurandomi che questa sezione cresca, che crescano le domande, i dubbi, le curiosità…e le risposte.
    Quello che raccomando sempre ai genitori che assistono alle lezioni ed alle conferenze sulla sicurezza stradale, è di mettere da parte per un momento le regole…e di tornare ad usare il buon senso. Il primo, vero e forse unico strumento di sicurezza è il nostro cervello! Gratis, comodo da trasportare, semplice da usare…ma purtroppo anche da spegnere. Il resto…beh, il resto, le regole, contano certo, ma mai quanto lui.
    Quando incontri persone che voglio attraversare l’autostrada con i figli in braccio…non pensi che abbiano infranto una regola. Quando incontri un padre che trasporta il figlio seduto sul tetto con le gambe penzoloni all’interno del tettino…non pensi abbia violato il codice. E di questi fatti, chi fa il mio lavoro(e non solo) ne vede a centinaia…ci sarà tempo e modo per raccontarli…
    Chiudo aggiungendo un periodo al post originale:
    IL CASCO PER LA BICICLETTA VIENE COSTRUITO E TESTATO IN RAPPORTO HAI DANNI CHE UNA PERSONA PUO’ SUBIRE SE CADE DALLA BICICLETTA, ALLA VELOCITA’ STIMATA DELLE BICICLETTE.
    NON, NON, NON, NON (non è un errore di battitura) USATELI PER TRASPORTARLI IN SCOOTER O MOTO CHE SIA! NON SERVONO A NULLA IN QUEL CASO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2019 Bravi Bimbi