Sono sostegni economici destinati a madri che non hanno maturato i contributi sufficienti per godere dei trattamenti previdenziali di maternità.

Sono previsti 2 diversi assegni. Uno erogato dallo Stato ed è rivolto alle madri lavoratrici che non hanno diritto ad altri trattamenti di maternità: lavoratrici o ex lavoratrici che hanno almeno 3 mesi di contributi nel periodo compreso tra i nove e i diciotto mesi dal parto, e madri che hanno lavorato per almeno 3 mesi negli ultimi 9 mesi.
La domanda va presentata all’ufficio INPS più vicino all’abitazione. Il modulo per la rischiesta è disponibile nella sezione “moduli” del sito dell’INPS a questo indirizzo: http://www.inps.it/Modulistica/homepage.asp

L’altro erogato dai Comuni, rivolto alle madri che non hanno diritto nè alle altre indennità di maternità, nè all’assegno statale. Il diritto all’assegno è subodinato a limiti di reddito, alla numerosità della famiglia e ad altre specifiche condizioni. La domanda va presentata ovviamente al proprio comune di residenza. Per il 2008 l’assegno erogato dal Comune non viene concesso qualora il tetto ISE superi i 31.223, 51 euro – facendo riferimento ad un nucleo famigliare di 3 persone.

Per chiarimenti ulteriori è sempre utile rivolgersi alle Associazioni sindacali di categoria e ai loro Patronati.