alle banche fino a 5 mila euro, da restituire in 5 anni (il che vuol dire che l’importo della rata mensile da pagare sarà di circa 96,58€).

Lo Stato per aiutare le famiglie eroga, attraverso le banche, dei mutui/prestiti agevolati.

Come ottenerlo?
Bisogna conttare una delle banche aderenti.
Puoi trovare l’elenco delle banche aderenti qui: http://www.fondonuovinati.it/elenco_banche.html

La domanda deve essere inoltrata entro il 30 giugno dell’anno successivo alla nascita direttamente presso le banche che avranno a disposizione un apposito modulo da compilare.

La Banca/Intermediario finanziario, accertata l’ammissione alla garanzia del Fondo, delibererà autonomamente sull’erogazione del finanziamento e provvederà ad accreditare al beneficiario l’importo corrispondente in base alle modalità concordate con il beneficiario stesso.

È possibile estinguere il debito in un’unica soluzione o con rate da concordarsi al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento. L’arco temporale di restituzione del finanziamento deve essere concordato con la Banca/Intermediario finanziario.

In caso di insolvenza, si è soggetti alle ordinarie procedure esecutive per il recupero del credito.

Se questo sia un concreto aiuto alle famiglie, giudicatelo voi.

Ad ogni buon conto, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono stati stabiliti i criteri per l’erogazione dei contributi nei limiti delle disponibilità del Fondo e primo fra tutti, c’è il solito ISEE (indicatore della situazione economica).

In caso di ISEE inferiore a 15.000 euro, la garanzia dello Stato passa dal 50 al 75%, facilitando così l’accesso al credito a fasce di reddito che, secondo l’ordinaria politica delle banche, ne sarebbero escluse.

Se vuoi maggiori informazioni puoi telefonare al numero gratuito 803.164 potrai parlare con un operatore (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14): digli subito che stai chiamando per avere maggiori informazioni sul bonus bebè 2014 (e ricorda che in realtà ora lo chiamano “Fondo di credito per i nuovi nati”).

Attenzione: comincia a raccogliere le informazioni ma considera che, a data odierna, il bando per l’assegnazione del bonus bebè 2014 non è stato ancora aperto e quello vecchio si è chiuso a luglio 2013.