Fare un giro nella neve con i cani da slitta? Ad Arnoga, un paesino a pochi km da Bormio (Lombardia), si può.
Sotto l’occhio attento di alcuni musher professionisti (il musher è il conducente di una muta di cani da slitta) si può provare l’ebrezza di salire su una slitta ed essere trainati dai cani immersi in un paesaggio innevato.

Abbiamo fatto questa piccola escursione per festeggiare l’11esimo compleanno di nostra figlia che ama i cani pur non avendone uno. Fosse per lei passerebbe le giornate con loro (e lo fa quando andiamo nella nostra casa di campagna dove abbiamo la fortuna di avere una vicina di casa che ne ha 4).

Il posto si chiama “Husky Village” ed è una struttura ad Arnoga, un paesino nell’alta Valtellina dove verrai accolto da tantissimi ululati. Hanno tantissimi cani (mi sembra 60) e qualche cucciolo. Prima di iniziare il nostro giro che è durato poco più di una mezz’ora, ci sono state date delle informazioni di base: come si fa a guidare una slitta, quali sono i comandi principali, come fare le curve, come frenare, fermarsi e ripartire in sicurezza. Le informazioni inizialmente sembrano davvero tante ma una volta che si sale in slitta tutto diventa semplice.

Con che tipo di cani si fa?

I cani che tirano le slitte non sono degli Husky puri al 100% ma sono incrociati volutamente con levrieri o cani da caccia per cercare di “ottenere” (oddio così suona malissimo!) dei cani più gestibili (lo dice il musher nel video più sotto), si cerca di “prendere” il meglio da ogni razza. Quelli più usati sono solitamente i Siberian Husky (che, come suggerisce il nome, hanno origine siberiana e sono una razza da lavoro), gli Alaskan Husky, l’Alaskan Malamute, i Samoiedi (altra razza nordica da traino) o i Groellandesi.

Lo sleddog, la slitta (sled) trainata da una muta di cani, è un’esperienza alla portata di tutti. Il giro è tutt’altro che impegnativo e rimanere in equilibrio sui pattini della slitta è davvero semplice e intuitivo.

I cani sono davvero forti e tirano parecchio ma per frenare basta mettere un piede sul “tappetino” che vedi nel video e loro capiscono che devono rallentare se non fermarsi. Facilissimo.

Quanto costa fare un tour con la slitta?

Costa un po’ troppo: gli adulti pagano 80€ a testa mentre i bambini, che vengono trasportati da un musher, 50€. Sinceramente, visto che gli abbiamo lasciato 210€ mi sarei aspettato qualcosa di più: un giro più lungo e vario (non sicuramente una andata e ritorno sulla stessa stradina), una qualche esperienza ravvicinata con i cani, un thè caldo, un video… non lo so, ma potrebbero dare di più altrimenti, pur essendo una bella esperienza, rimane dell’amaro in bocca. Anche il fatto che ti facciano pagare poi le foto 40€… una esagerazione per turisti. Magari cambieranno qualcosa nel futuro, chissà.

Ma i cani soffrono?

Non so dare una risposta a questa domanda. Amo tutti gli animali, soprattutto i cani. Odio vederli soffrire o quando sono in condizioni precarie. Figurati che non mi piace andare a cavallo perchè trovo che sia “poco simpatico” spronarlo dandogli dei calci in pancia.

I cani che ho visto all’Husky Village di Arnoga erano tenuti molto bene e avevano un sacco di spazio. Le loro gabbie sono molto grandi e pulite. I musher mi sono sembrati amorevoli e attenti nei loro confronti.

Certo, come ogni animale, anche questi lupi starebbero meglio in libertà, non si discute. Però non li ho visti sofferenti, non mi sono sembrati malati o messi male. Le slitte non erano troppo cariche, una persona per slitta, o al massimo un musher + un bambino. 4 cani per ogni slitta. Il percorso non aveva buche proprio per evitare che potessero farsi male.

Ad ogni buon conto, una esperienza che volevamo fare e non ce ne pentiamo. Adesso siamo pronti per andare in Alaska 😀