Il titolo del post “Kitesurf in Brasile a Natale e Capodanno” non è completo. Andrebbe aggiunto un pezzo ma veniva troppo lungo quindi lo faccio qui: “Kitesurf in Brasile a Natale e Capodanno con tutta la famiglia“.

E’ il secondo anno che torniamo e prima della partenza le domande dei miei amici tra il serio, il faceto e il titubante erano: “Ma vai anche con tua moglie e tua figlia?” 🙂
Gente sì, vi pare che sparisco per dieci giorni e posso poi ritornare senza trovare la porta di casa con una serratura diversa?

Il bello del Brasile a dicembre/gennaio? Fa caldo, la vita non costa molto e c’è ancora vento (è comunque off season). Per caldo intendo almeno 30 gradi. Anche la notte.

Itinerario: Milano – Lisbona – Fortaleza (linea aerea TAP)

Importante: non comprare i biglietti online sui vari Volagratis and company. Se mi scrivi o lasci un commento qui sotto, ti do i riferimenti di una agenzia di viaggio che ha i prezzi più bassi di tutti (sono loro che rivendono i voli a Volagratis & Co.).

Il viaggio in sè è fattibilissimo, anche con bambini. Non è poi interminabile (da Lisbona sono poco più di 7 ore) e se si dorme, manco a dirlo, è meglio.

Il bagaglio sportivo te lo fanno pagare 100€ a tratta. Quest’anno c’era però l’opzione “A braccia aperte” e quindi si pagava solo il ritorno (nota: se prenote con Volagratis & Co., questa opzione te la perdi).

Una volta atterrato a Fortaleza te ne devi andare il prima possibile. Non c’è nulla di che.

Per fare kitesurf conviene andare a Nord. Più a Nord si va, più vento c’è.

Tuttavia la prima tappa è spesso Cumbuco, perchè è a mezz’ora di macchina dall’aereoporto di Fortaleza. In qualsiasi pousada prenoterai, ti verrà offerto anche il “trasfer”, il passaggio dall’areoporto fino a destinazione.

Cumbuco: piccola cittadina, per starci un paio di giorni ci sta. Lo Spot non è nulla di particolare: mare verdone, cioppy, senza onda. Spiaggia enorme e bella sabbiosa. Due strutture in cui siamo stati e che consigliamo sono il Duro Beach Hotel e Vila Coqueiros. La prima ha una parte esterna molto più carina, mentre la seconda ha delle camere e una attenzione ai dettagli decisamente più elevata. Dovessi scegliere, tornerei a Vila Coqueiros, sono stati più gentili e non c’è mancato mai nulla. E’ mancato semmai il vento, su tre giorni, due di buco. Avevo dietro una dodici e una 9, le ho usate entrambe. Alla sera si può cenare in città, anzi, conviene andare tanto per fare un giro e per cominciare a respirare un po’ di aria brasiliana. Un ristorante vale l’altro. Nessuno eccezionale ma se avete passato una giornata sotto il sole, al vento e in acqua avrete una fame da lupi e no ci farete caso. Ci sono anche supermercatini e una farmacia. E un negozio di Kite ben fornito.
Non andare mai alla laguna lì vicino, quella che si chiama Tabuba: è bella flat, certo, se c’è vento ti diverti anche ma.. è inquinata da fare paura. Se ne fai il perimetro a piedi capirai che cosa intendo.

cumbuco

Da Cumbuco ci si può spostare a Paracuru: qui lo spot è decisamente diverso e molto più magico e cool. Quebra Mar, dove si fa kite, è famosa in tutto il mondo. Attira gli amanti dello strapless perchè ha delle belle onde. Onde che non sono vicinissime a riva quindi c’è sia una parte di flat che una parte di onda. E’ per tutti. A Quebra Mar c’è anche un bel ristorante e bar sulla spiaggia, docce e ci si può rilassare alla grande. La spiaggia è enorme e finissima. L’acqua è bassa in molti tratti e, guardando il mare, tutto a sinistra, diventa anche troppo bassa: fai attenzione ai coralli. Io non amo portare le scarpette e devo aver pestato o un pesce velenoso o qualcosa del genere perchè mi si è gonfiato il piede e ne ho perso la sensibilità (con un male cane) per due ore…
A Quebra Mar ci sono anche validi istruttori e se devi imparare o perfezionare, è il luogo adatto.
Paracuru è una città molto più grande di Cumbuco ed è meglio affittare un’auto. Andare in giro è sicurissimo. Per altro… la macchina è comunque necessaria: nessuna pousada è sulla spiaggia. Tra Paracuru e il mare ci sono delle belle dune di sabbia e poche costruzioni. Tutte le pousade sono circa  5km dallo spot e i taxi sono inesistenti. Noi siamo stati alla Pousada Wind Paracuru ma consigliamo vivamente anche la Kite Friends, nuovissima e tenuta da Dio. Entrambe hanno una gestione italiana.
La città non offre molto ma per mangiare e fare un minimo di spesa ci sta.
Eravamo lì a Capodanno e… ne abbiamo viste di tutti i colori. I brasiliani sono brava gente ma hanno la fissa della musica. I loro soldi li spendono in impianti stereo che montano nei bauli delle macchine. E poi fanno a gara a chi ce l’ha più grosso (l’impianto stereo). E a volte esagerano e danno fastidio. Specie quando arrivano in spiaggia, dieci di loro, sparando 10 musiche diverse a tutto volume…
Nei giorni senza vento abbiamo girato un po’ spingendoci fino a Lagoinha, che consigliamo di vedere (non la sceglierei però come meta per passare qualche giorno).

casse-musica
(nella foto: un fuoristrada che traina un carrello con un “muro” di casse di 2 metri. E quando pompano, l’onda d’urto fa vibrare tutto…)

Da Paracuru puoi poi andare a Ilha do Guajiru, una laguna super flat. Meta ideale per gli amanti del wakestyle. E’ davvero bello sfrecciare sull’acqua piatta. Ilha però non offre nulla. E’ un agglomerato di 7/8 pousade e basta. Se non c’è vento… sparati. Il wi-fi ormai è cosa comune quindi potrai sicuramente cazzeggiare ma… non c’è davvero nulla. Noi abbiamo soggiornato a Barraca do Kite e ci siamo trovati abbastanza bene (le camere overwater sono però più che spartane e la piscinetta era sporchissima, siamo certi ci fossero dei cadaveri sul fondo). Un’altra bella pousada è sicuramente quella del tedesco York “7 beaufort”.  C’erano poi degli altri bellissimi bungalow sulla spiaggia, immersi nella natura che fanno parte della Pousada Casa Suiça. Ignoro il costo ma la location era spaziale.
Uh: il costo delle lezioni kite qui è il doppio di Paracuru, paragonabile alle tariffe “europee”.

Ilha-do-Guajiru

Ilha-do-Guajiru

Da qui puoi spostarti a Prea (dove siamo stati nel 2014), un’altro bel paradiso nel nulla. Noi siamo stati alla pousada Kite Brasil, gestita da una italiana e un austriaco e… la consiglieremmo. Da qui, oltre al kite, puoi andare in giro con i quad, andare a vedere la splendia laguna Paraiso o andare a Jericoacoara.
Qui deve spostarti sempre con dei buggy, i taxi locali che possono sfrecciare e affrontare la spiaggia senza problemi.

Più a nord non siamo andati ma degli altri ragazzi ci hanno consigliato Barra Grande (Piaui) dove il vento è sempre bello costante e teso. Per vele dalla 9 in giù. Il prossimo anno potremmo andare proprio lì e questo giro potrei affittare direttamente una macchina all’areoporto di fortaleza e fare io tutti gli spostamenti anche perchè Barra è a 450km da Fortaleza e sono tantini (tipo 5 ore di macchina). Spostarsi comunque  è davvero sicuro, non ci sono problemi. Serve ovviamente un navigatore.

I bambini… per loro c’è davvero poco. Non ci sono le comodità medie a cui potrebbero essere abituati (ma a noi piace così) e se le giornate sono ventose non è poi così piacevole stare in spiaggia ma:

  • in tutte le strutture ci sono sempre delle piscine
  • ci sono sempre dei posti riparati e, credemi, se non ci fosse il vento si schianterebbe di caldo
  • i castelli di sabbia si possono fare sempre 🙂

Non troverai spesso tante altre famiglie con bambini. Queste sono mete per appassionati di kitesurf che spesso viaggiano senza prole al seguito.

Questo però non ti deve fermare: si mangia abbastanza bene, fa caldo, c’è il sole e “stai senza pensieri” 🙂

E le mogli? Beh se cercano un posto alla moda e con qualche negozio dove fare shopping… non è la loro vacanza 🙂

Se hai bisogno di maggiori info, lascia un commento qui sotto e ti aiuterò quanto prima.

Questo qui sotto è l’itinerario che abbiamo seguito quest’anno: siamo atterrati il 26 dicembre e ripartiti il 6 gennaio.

riccardo-porta-brasile