La depressione post parto potrebbe avere una causa (in alcuni casi) e quindi anche una cura. Nessuna medicina richiesta mie care mamme (o non sarei qui a parlarvene) solo una particolare attenzione a quel che si mangia.

Il Dr Shapiro dell’università di Motreal sta attualmente studiano una correlazione tra il deficit di Omega 3 e questa patologia.

É stato visto che durante la gravidanza la percentuale che è contenuta nell’organismo tende ad abbassarsi e anche dopo il parto continua a farlo per altri due mesi circa.

Il medico, si sente quindi di consigliare a tutte le future madri di mangiare tantissimi alimenti che contengano quest’acido grasso che tra le altre cose è benefico anche per il colesterolo croce e delizia di tantissime persone a tutte le età.

Gli Omega 3 come ben sapete sono presenti in larghissima misura nel pesce azzurro come ad esempio il salmone.
Se siete però tra quelle mamme che non sopportano in nessun modo questo alimento, chiedete consiglio al vostro medico di base o al ginecologo che saprà indirizzarvi verso i cibi da assumere più adatti a voi.

Ad ogni modo uova, frutta secca e verdura a foglia larga sono una buona fonte di questa sostanza.
Se proprio detestate il pesce dunque, prima di ricorrere agli integratori considerate anche i semi di lino che potrebbero aiutarvi ad apportare la giusta dose di Omega 3 al vostro organismo sia che decidiate di assumerlo tramite olio oppure mucillagini che più economiche e durature aiutano anche in caso di stipsi.

Per quanto riguarda gli integratori, anche se completamente naturali presi in erboristeria oppure in farmacia, chiedete sempre al vostro medico un parere.

Sarebbe bene chiedere un consiglio anche su certi tipi di pesce, alcuni potrebbero infatti contenere alte percentuali di mercurio (come il tonno) quindi, uno schema alimentare da seguire sarà sicuramente gradito anche per restare leggere.

Ma voi mamme? Siete amanti del pesce? Ed i vostri bambini? Ma sopratutto, in gravidanza, riuscivate a mangiarlo? Fatemi sapere.