Tra i ragazzini sta letteralmente spopolando un videogioco violento intitolato “Dieci modi per uccidere il tuo prof”. A lanciare l’allarme, un gruppo di mamme.

L’alert è stato confermato anche dall’Osservatorio sui diritti dei minori, che ha chiesto l’intervento della polizia postale. Il videogioco, realizzato da SilverGames, è solo l’ultimo nato di una lunga serie di “dieci modi per uccidere…” iniziata con “il tuo capo”.

Si tratta di un videogioco dalla grafica elementare, in bianco e nero, che vede protagonisti in una classe come tante, un ragazzino con una felpa e un professore calvo da incendiare, tagliare, pestare (con un libro, un accendino, ecc.).

Secondo il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio dei diritti sui minori: “È un passatempo che visto con gli occhi di un adulto può risultare scadente e deficiente, ma nella mente di un soggetto in età evolutiva può scatenare emozioni e reazioni pericolose”.

E direi!!! Un videogame del genere non dovrebbe nemmeno esisistere.

Ed ecco il gioco con il commento di un ragazzo: