Secondo un’indagine del Children’s Commissioner inglese, fino all’età di 13 anni i genitori postano mediamente 1300 foto e video dei propri figli sui social. La quantità dei dati in rete poi aumenta vertiginosamente quando i bambini stessi iniziano a interagire con queste piattaforme. È stato stimato che entro i 18 anni un ragazzo posta in media 26 volte al giorno…

Come ha spiegato l’amministratrice del Children’s Commissioner for England Anne Longfield è arrivato il momento di fermarsi e pensare ogni volta che si sta per condividere delle informazioni personali sul web e soprattutto sui social netwwork. L’appello è rivolto ai ragazzi, ma soprattutto ai genitori, che dovrebbero evitare di postare online informazioni sensibili.

Inoltre, l’amministratrice Longfield ha invitato a prestare attenzione a anche ai giocattoli smart, agli assistenti personali e a tutti i dispositivi che in qualche modo tracciano la vita, smartwatch compresi, spegnendoli quando si entra in merito di informazioni delicate e strettamente personali.