Bravi Bimbi > News bimbi > Prima ecografia, un emozione spaventosa

Prima ecografia, un emozione spaventosa

Scritto da News Bimbi il 23 Novembre 2013

Vi ricordate la vostra prima ecografia e le sensazioni che vi ha suscitato? Probabilmente vedendo il vostro “fagiolino” nel monitor e sentendo il suo cuoricino avrete avuto un sussulto, vi sarete messe a piangere o avrete avuto un sorriso enorme dalla gioia.
ecoPer per Emily Weathly di 32 anni la prima eco è stata un trauma indimenticabile: recatasi all’appuntamento con i medici questi non riuscivano a sentire il cuore del bambino che non dava nessun segno di vita.
Per la futura mamma sono stati attimi di panico e terrore che solo la sorella venuta per accompagnarla è riuscita a domare.
I sanitari nel frattempo hanno spiegato alla donna che possibilità avesse: la prima era quella di espellere il feto naturalmente mentre la seconda era quella di assumere alcuni farmaci abortivi che avrebbero facilitato il compito di eliminare la sua creatura.
Emily in preda al panico ha quindi chiesto a sua madre di aiutarla a decidere. La donna molto saggiamente le ha consigliato di non assumere nulla e di ripetere l’ecografia il giorno successivo.
La figlia per fortuna ha seguito il consiglio materno ed il giorno dopo ha ripetuto l’esame dove le è stato fatto notare che i parametri vitali di suo figlio erano perfettamente nella norma, il bambino era sano e vivo.
Questa storia sarebbe potuta finire in tragedia visto quel che i medici avevano consigliato di fare alla futura madre, va ricordato però che avendo una scelta a disposizione sotto consiglio ha optato per quella che le sembrava migliore sopratutto perché dato con il cuore dalla persona che al mondo l’amava di più.
Forse se Emily avesse deciso di chiudere quel capitolo della sua vita immediatamente assumendo i farmaci consigliati suo figlio a quest’ora non sarebbe mai nato.
L’errore medico o una disfunzione nelle apparecchiature poteva comunque risultare fatale per una futura mamma e per la sua stabilità emotiva ma cosa ancor più grave sarebbe costata la vita ad un bambino perfettamente sano il cui cuoricino batteva benissimo.





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «News bimbi» e tag «, ».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2019 Bravi Bimbi