Dal 2011, in Europa, non sarà più possibile commercializzare biberon contenenti il Bisfenolo-A (BPA), utilizzato principalmente per la produzione di plastiche e i suoi derivati che sono in commercio da più di 50 anni.

E’ stato infatti provato che potrebbe contribuire a mettere in pericolo la salute di neonati e bambini perchè può essere assorbito e agire come se fosse un ormone, con effetti simili agli estrogeni.

Lo stop alla commercializzazione di prodotti contenenti il BPA sarà effettiva da Giugno 2011 anche se molte grande marche per bambini ne hanno sospeso da tempo il suo utilizzo.

“Il Bisfenolo-A agisce come se fosse un estrogeno ma non è di alcuna utilità al nostro organismo, anzi, alcuni studi condotti sugli animali ne hanno dimostrato gli effetti a dir poco spiacevoli” – ha commentato Belinda Phipps del National Childbirth Trust.

Tra gli effetti collaterali troviamo problemi di sviluppo, abbassamento delle barriere immunitarie e persino il cancro. Si sta inoltre cercando di capire se il BPA possa influenzare (negativamente) la fertilità maschile.

In attesa che la direttiva europea divenga obbligatori…assicurati di comprare prodotti a contatto con gli alimenti (il biberon in primis ma anche cucchiaini e piattini di plastica) che siano privi di Bisfenolo (BPA free).