Da qualche giorno in tv gira il primo spot a favore dei vaccini del Ministero della Salute, che vede protagonista il campione di pallavolo Ivan Zaytsev. Più avanti uscirà anche un altro video realizzato con l’astronauta Samantha Cristoforetti.

Questa volta il Ministero ha scelto una linea morbida dal punto di vista della comunicazione: niente conferenze stampa, né comunicati stampa. La notizia, a parte la pubblicità in tv, è stata inserita solo sul sito istituzionale. L’intenzione sembra evidente: evitare di esporsi alle critiche dei no vax.

La scelta dei testimonial, tuttavia, non è casuale. Il campione di pallavolo, infatti, era stato messo in croce sui social per aver pubblicato una foto con il figlio all’uscita di un centro vaccinale. Come raccontò ai giornali: “Si è scatenata una gran caciara, in famiglia abbiamo passato due giorni di fuoco per le polemiche con i no vax. Ci sembrava, la vaccinazione, una profilassi e una terapia doverosa e giusta per il rispetto che si deve tenere verso il prossimo e la comunità. La questione è delicata, e quel post ha scatenato reazioni che non mi aspettavo”.

La Cristoforetti, come ha sottolineato il Ministero, è stata scelta perché rappresenta perfettamente i valori positivi della ricerca scientifica. Entrambi hanno partecipato a titolo gratuito alla campagna.