pediatri di famiglia italiani.

Quello che dice sembra sensato: ''E' assolutamente illogico e senza senso vaccinare subito, indiscriminatamente, tutti bambini contro il virus della nuova influenza; è' invece necessario, in linea con quanto stabilito dalle direttive ministeriali, vaccinare i bambini affetti da patologie croniche, per i quali i vaccini sono disponibili con oltre 15 giorni di anticipo rispetto a quanto preventivato. La situazione è sotto controllo e non registriamo alcun problema particolare che giustifichi inutili appelli a vaccinazioni di massa''.

Detto questo però, a nostro avviso, servono ancora più indicazioni chiare. Sotto i tre anni no e sopra sì? Tutti quelli che non hanno patologie croniche o problemi respiratori non devono fare nulla, giusto?