Giocare a palla è forse uno dei divertimenti più antichi del mondo. E, soprattutto, se a farlo sono i bambini…fa benissimo!

Calciare la palla infatti allena i bambini a coordinare il movimento della gamba con la visione dello spazio circostante. A 1-2 anni non saranno in grado di farlo con precisione, perciò i loro tiri saranno un po’ sbilenchi. Mamma e papà però possono stimolarli a raggiungere questa tappa mostrandogli come fare. A questa età, infatti, imparano imitando.

Far rimbalzare la palla serve ad accentuare le capacità di coordinazione. E’ un gioco che in realtà hanno sperimentato tante volte, fin da piccolissimi, quindi hanno già una dimistichezza. Dopo l’anno, però, non sarà più solo un divertimento ma diventerà uno strumento di misura, per capire come le cose si allontanano e poi ritornano.

Lanciare la palla con le mani è un altro esercizio che serve a migliorare la fluidità dei loro movimenti e la capacità di orientarsi nello spazio. A questa età non sanno ancora prevedere una traiettoria precisa  così come calibrare la forza delle braccia ed è probabile che i tiri siano tutti un po’ storti. Mamma e papà , per aiutarli e incentivarli, possono giocare da seduti, con lanci raso terra.

P.S. per i papà:
Non prendetevela se vostro figlio, al primo colpo, non calcia con forza la palla o non la manda nella direzione voluta. Non è per questo che non diventerà un grande calciatore 🙂
Ci vuole solo pazienza e… esercizio!

P.S. per le mamme:
Se volete far vedere quanto siete brave con la palla…occhio ai bambini nei paraggi! (vedi video qui sotto) 😀

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NfLbMDPKjbg[/youtube]