Bravi Bimbi > Primi anni > Perchè non vuole separarsi dal suo peluche?

Perchè non vuole separarsi dal suo peluche?

Scritto da barbamamma il 10 ottobre 2018

pupazzo

E’ normale che, intorno all’anno di vita, dopo avere sperimentato la cosìdetta “angoscia da separazione” e i primi distacchi dalla mamma, il bambino cerchi un oggetto definito dagli psicologi “transizionale“, con cui ricreare l’illusione che la mamma sia sempre con lui.

Con questo oggetto il bambino sostituisce in maniera simbolica la presenza della mamma e sente di averla sempre vicina, anche quando lei si assenta.

L’oggetto transizionale lo rassicura e gli infonde sicurezza perchè sa che gli appartiene e rimarrà sempre con lui: di solito, è un oggetto morbido e caldo, come un peluche, una bambola o una coperta.

Questo oggetto gli ricorda la mamma anche per gli odori di cui si è impregnato (per uesto, dopo aver lavato il peluche spesso il piccolo non lo vuole e scoppia a piangere perchè “a naso” non lo riconosce più).

Il bambino non si stacca mai da questo oggetto amato e, soprattutto, non lo sostituisce con nessun altro.

Prendendo a presto le parole della psicologa che ha scritto per noi un altro post, chiudiamo dicendo che:

Spesso i genitori si domandano se un comportamento del genere sia normale e possa, con la crescita, finire spontaneamente. A volte, preoccupati da questo legame così intenso, nascondono l’oggetto oppure obbligano il figlio a rinunciarvi. Tutto questo non è necessario e sicuramente sbagliato. Col progredire del tempo (a volte l’attaccamento perdura fino ai 5 anni) la passione dei piccoli per l’oggetto in questione diminuirà naturalmente fino a scomparire del tutto e rimarrà solo un “dolce” ricordo.





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Primi anni» e tag «, , , ».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2018 Bravi Bimbi