molti genitori valorizzano il ciuccio come un “must have” proprio come le salviettine i pannolini o i seggiolini a dondolo.

Il ciuccio va veramente bene per tuo figlio allora?

Ecco come capire i benefici e i rischi del suo uso, e i suggerimenti più importanti per aiutare il bambino a smettere di chiederlo.

I pro

Per molti bambini il ciuccio è la chiave di soddisfazione tra una poppata e l’altra. Considerane i vantaggi:

  • Un ciuccio potrebbe calmare un bambino esigente. Molti sono più felici quando succhiano qualcosa.
  • Il ciuccio offre una distrazione temporanea durante gli esami del sangue e procedure simili.
  • Un ciuccio può aiutare il tuo bambino ad addormentarsi. Se tuo figlio ha problemi ad addormentarsi il ciuccio potrebbe essere il trucco.
  • Un cuccio può alleviare il disagio durante i voli.
  • Ai bambini si chiudono le orecchie per la pressione causata dal cambio d’aria, il dolore spesso si allevia deglutendo o sbadigliando, il ciuccio quindi potrebbe aiutare.
  • Il ciuccio potrebbe contribuire a ridurre il rischio di SIDS, i ricercatori hanno scoperto che il suo uso durante il sonno riduce i rischi di sindrome da morte in culla.
  • I ciucci sono usa e getta, quando è il momento di smettere si può buttarli via, cosa più difficile se il bambino preferisce succhiare il pollice o le dita.

I contro

Naturalmente il ciuccio nasconde anche delle insidie.

L’uso precoce del ciuccio può interferire con l’allattamento al seno. La sensazione provata quando prende il latte è diversa da quella del ciuccio e della bottiglia, molti bambini sono sensibili a queste differenze.

Tuo figlio potrebbe sviluppare una dipendenza dal ciuccio. Se lo usa per dormire potreste andare incontro a crisi di pianto quando gli scivola fuori dalla bocca durante il sonno.

L’uso del ciuccio potrebbe aumentare il rischio di infezioni all’orecchio medio. Sembra tutto strano ma uno studio ha evidenziato che in chi lo usa c’è il 33% di possibilità in più di avere questo disturbo.

L’uso prolungato del ciuccio può portare a problemi dentali. Normalmente durante i primi anni di vita non sono a lungo termine.

Tuttavia l’uso prolungato può causare lo scivolamento verso l’esterno o una dentatura irregolare all’arcata superiore.

Ciuccio: cosa fare e cosa non fare

Se deciderai di dare a tuo figlio il cuccio ricorda: aspetta sino a quando l’allattamento al seno non sarà stabile. Porta pazienza, potrebbero essere necessarie un paio di settimane per avere una routine efficace.

Non usarlo come primo mezzo per calmarlo, a volte se il bambino piange basta cullarlo un po’ sul suo seggiolino.

Dagli il ciuccio solo dopo o tra le poppate. Non lasciarglielo usare tutto il giorno.

Scegline uno in silicone a pezzo unico lavabile in lavastoviglie.

I ciucci composti di più pezzi possono essere pericolosi se si rompono.

Una volta che il bambino avrà trovato il suo preferito tenetene un paio di riserva identici a portata di mano.

Lasciate che sia vostro figlio a volerlo, se non è interessato riprovate oppure lasciate perdere. Se il ciuccio scivola dalla bocca mentre dorme non ridateglielo.

Tienilo pulito: prima di dargli il ciuccio puliscilo accuratamente. Fino a quando tuo figlio non avrà sei mesi ed il suo sistema immunitario non sarà maturo è meglio bollire i ciucci e lavarli in lavastoviglie.

Dopo i sei mesi basta pulirli con acqua e sapone. Resisti alla tentazione di lavarlo nella tua bocca. Gli passerai solo più germi.

Non riempirlo di zucchero e non metteteci su sostanze dolci.

Tienilo al sicuro: Cambia spesso il ciuccio usando la taglia più appropriata all’età del tuo bambino e controlla se perde parti o da segni di deterioramento.

Fai anche attenzione alla spilletta ferma ciuccio. Non usarne mai una con cordicella lunga abbastanza da fare il giro intorno al collo del bambino.

In sostanza:

Per ridurre il rischio di SIDS L’American academy of Pediatriscs raccomanda di dare il ciuccio al bambino sino al compimento del primo anno.

Tuttavia i rischi di usare il ciuccio iniziano a superare i vantaggi man mano che tuo figlio cresce.

La maggior parte dei bambini smette di usare da solo il ciuccio tra i due ed i quattro anni mentre ad altri serve un piccolo aiuto per interrompere l’abitudine.

A seconda dell’età del bambino considera queste tecniche per togliergli il ciuccio:

Per i neonati:
dondolare, cantare, suonare musica soffusa sono alternative efficaci al ciuccio.

Neonati e bambini in periodo asili: Attività, giocattoli, oggetti che gli piacciono come una coperta con il bordo potrebbero aiutarlo a distrarsi dal bisogno di ciuccio.

Dal periodo asili alle elementari:

Considera l’idea di fare una cerimonia particolare per seppellire o scartare il ciuccio o consentire al bambino un baratto come un giocattolo molto desiderato o un libro particolare, da cambiare con l’abitudine.

Il vostro dentista o medico di famiglia potrebbero aiutarti a farlo smettere spiegandogli cosa questo faccia ai suoi denti.

Leggi anche quello che scrivono le nostre mamme nel forum!
Consigli per il ciuccio!