L’osteopatia craniale è una tecnica dolce utilizzata per favorire il riallineamento delle ossa della testa del bimbo dopo il parto.

La nascita è un viaggio verso l’esterno, breve ma molto stressante, in cui il neonato viene sottoposto alle forze dell’utero che lo spinge contro le pareti del canale vaginale. Mentre il neonato discende nel canale del parto, il cranio assorbe questo stress: le morbide osse si “deformano” per ridurre le dimensioni della testa. Per questo, spesso, molti neonati nascono con un cranio di forma strana (allungato, schiacciato, a pera).

Anche se nei primi giorni di vita extrauterina la testa del neonato perde la sua estrema plasmabilità, questo processo risulta incompleto, causando al neonato stress e tensioni. Alcuni hanno forti compressioni del cranio che si manifestano con svariati problemi. Man mano che i bambini crescono si possono manifestare alcuni problemi dovuti a traumi subiti durante il parto come frequenti infezioni al naso e alle orecchie, difficoltà nell’educazione e nell’apprendimento, problemi nella coordinazione e nello sviluppo psichico, cattive posture del corpo. Grazie al trattamento osteopatico molti di questi casi sono stati risolti. Molti neogenitori sono entusiasti di questa tecnica nuova che ha lo scopo di attenuare, prevenire e curare i problemi del bambino.

Il termine osteopatia definisce le disfunzioni organiche, funzionali o strutturali che coinvolgono l’apparato muscolo scheletrico. E’ basato sul principio che il corpo sia capace di produrre dei rimedi propri contro le malattie, quando esiste l’equilibrio strutturale tra salute fisica e psico-emotiva.

Come funziona: toccando con dolcezza il bebè, l’osteopata si serve della manipolazione per alleviare la tensione e per aiutare il corpo del bimbo a migliorare le proprie funzioni. Il bebè è molto vulnerabile perché il suo piccolo è stato sottoposto a uno sforzo notevole durante la gravidanza e il parto.

Lo scheletro del neonato, i suoi muscoli e gli organi interni sono connessi l’uno con l’altro. Se si verifica una tensione o una pressione in una data area del suo corpo, l’effetto si può propagare anche al resto del corpo. Per esempio, se si verifica uno squilibrio alla spalla, il bebè potrebbe contrarre il resto del corpo provocando un’irritazione al torace o alla pancia che può incidere in modo negativo sulla sua digestione e perfino sul sonno.

L’osteopata si serve di un tocco molto leggero per scoprire quali sono le parti del corpo del bebè che potrebbero aver subito una tensione, uno sforzo o un mancato allineamento.

Quali problemi l’osteopatia craniale può trattare:

  • Pianto prolungato e inconsolabile
  • Problemi posturali
  • Coliche, disturbi digestivi (rigurgiti di latte e attacchi di pianto prolungati possono essere causati dall’irritazione del nervo che dalla base del cranio va allo stomaco, il che rende poi difficoltosa la digestione
  • Disturbi dell’apparato respiratorio
  • Problematiche psicosomatiche e iperattività
  • Disturbi infettivi (otiti, riniti, faringiti ricorrenti)
  • Problemi causati dalla dentizione

Altra cosa, e pubblichiamo questi video solo per sorridere tutti insieme, è il massaggio alla testa del bambino. Quello fa sempre bene, gli piace come piace a noi adulti e rientra dentro quelle attenzioni e “coccole” che non dovremmo mai far mancare ai nostri piccoli.

Video 1 : lavare la testolina ad un bebè è sempre un massaggio!

Video 2 : anche un energico massaggio per asciugare i capelli sembra avere effetti più che graditi!

Video 3 : massaggio con “strumenti” non convenzionali. Non si sa se gli piace ma è divertente!
Clicca qui (purtroppo non si può incorporare il video di youtube)