troppe , a un periodo in cui, alla nascita dei gemelli,  la carenza di tempo e di energie da distribuire a tre bambini  si è fatta sentire. E’ stato necessario un  lungo periodo di assestamento. Ed è stato complesso.

Giocano tra di loro? Te lo chiedo perchè i nostri amici che sono al secondo figlio ripetono tutti la stessa ossessiva frase: “eh: sarà  dura ma: vedrai che bello poi: giocheranno tra di loro e potremo finalmente respirare!”. E’ così? Funziona così?

Funziona così per tanti. Noi abbiamo dovuto attendere un po’ di più perchè tre maschi  scivolavano facilmente dal gioco al litigio, ma in effetti,  superata quella fase, la relazione che si è creata tra fratelli è stata un sollievo per  noi genitori e molto bella per loro.

Qual è il segreto “manageriale” quando si hanno 3 figli? Come fai a fare tutto?
Dai, sai qualcosa che non non sappiamo ancora…

Certo che lo so! Non fare tutto. Almeno quello è stato il mio segreto. Che ovviamente ho impiegato un bel po’ di tempo a capire.
I miei figli sono adulti e dunque è un problema che non ho più, ma quando richiedevano ancora molto del mio tempo, ed era fondamentale per me procedere anche su altri piani della mia vita, ho imparato a darmi delle priorità , a sfrondare le cose inutili, a togliermi l’illusione di poter fare tutto.

Ti dà  soddisfazioni il tuo blog? Cosa ti chiedono più spesso gli utenti?

Il mio blog è stata una piacevolissima sorpresa. E’ un mezzo di comunicazione notevole con il quale continuo il discorso iniziato con il libro.
In questo periodo poi, la casa editrice, mi ha autorizzata a pubblicare alcuni capitoli e mi fa molto piacere che siano accessibili  sul web.
Ricevo anche molte mail private nelle quali emerge in modo chiaro che l’argomento è “scottante” e che è bene occuparsene sempre di più come sta finalmente avvenendo.

Come mai ci sono così pochi papà  in rete mentre fioriscono di continuo blog di neomamme?

Perchè la solitudine della maternità  riguarda più le donne che gli uomini. E i blog sono un ottimo antidoto per alleviare la solitudine. Ma vedo che il numero dei padri, poco per volta, cresce. Anche se siamo ancora lontani “dall’esplosione” femminile.

A proposito: che consigli ti sentiresti di dare a una neomamma?

Di ascoltare, se li ha richiesti lei, i consigli altrui, ma poi di fare di testa sua. Se invece non li ha richiesti, come spesso accade, sarebbe buona cosa rispedirli al mittente.  E di non aver paura a chiedere aiuto, a dire che è in difficoltà . Succede, molto più di quanto ci si immagina.

Se fossi il Sindaco della tua città : cosa vorresti cambiare/trasformare per renderla ancor di più a misura di bambino e famiglia?

Mancano asili nido. Sono pochi, costosi e non assorbono affatto le richieste. Proprio nella fase iniziale, in cui una madre e un padre hanno più bisogno di rete e sostegno. E’ vergognoso, ma è così. Tariffe assurde e pochi posti.

Quando è stata l’ultima volta che uno dei tuoi figli ti ha fatto ridere e perchè:

Avviene di continuo ed è una delle cose che mi ha stupito della maternità . La quantità  di risate. Hanno un forte senso dell’ironia e io sono l’oggetto privilegiato delle loro prese in giro. Diciamo che dopo le sfuriate adolescenziali è iniziato il periodo molto gioioso dell’età  più adulta. Ci vuole a volte molto tempo, ma la maternità , per chi la desidera, può essere un’avventura davvero divertente.

Perdonami, faccio un salto indietro e riparlo del tuo libro: “la solitudine delle madri“. Ma…non è un titolo un po’ triste, un po’ angosciante?

E’ un titolo realistico che a prima vista può creare un po’ di difficoltà . In effetti la tentazione di dare un sottotitolo ironico per smorzare un po’, era stata forte, ma poi era prevalsa la consapevolezza che di quello parlavo, e non intendevo indorare la pillola. Lo fanno già  in troppi.

Ci consigli un libro da leggere a tema famiglia/figli?

I no che aiutano a crescere” di Asha Phillips. Credo ce ne sia un gran bisogno!

La favola che hai raccontato di più ai tuoi figli è quella di:

Ah ma quello era rigorosamente un compito del papà ! (e dopo una giornata intera con loro non mi sentivo affatto defraudata, anzi 🙂

E’ vero che una della tue prossime pubblicazioni avrà  come titolo: “Vivere felici con i nostri bravibimbi.it?” 🙂

Ma…non eravamo d’accordo che sarebbe stato un segreto fino alla pubblicazione?

Il sito: lasolitudinedellemadri.blogspot.com