Si credo che sia importante mantenere degli spazi di coppia, dove i figli non sono inclusi, nemmeno nei nostri pensieri.

C’è chi dice che il tempo non è mai abbastanza. Che se fai la mamma, che se devi lavorare, fare la spesa o cucinare è impossibile fare altro. Sei d’accordo con me che sono solo scuse e che, se si vuole, il tempo lo si trova sempre per tutto?

Il tempo è quello che è quindi no, del tempo in più è difficile da trovare. Il metodo migliore è delegare.

Su bravibimbi abbiamo purtroppo visto alcune coppie andare in frantumi dopo la nascita del figlio. Alcune mamme si sono date la colpa, dicendo che dopo l’arrivo del bambino si sono scordate di avere ancora un marito. Sono dell’idea che la “colpa” non si possa mai attribuire solo a una persona ma tu che sei anche sei psicologa familiare e giuridica… come la vedi?

Non sono mai per dare delle colpe. Le cose si fanno in due, sempre. Quindi se una relazione è finità la responsabilità è di entrambi. A volte gli atteggiamenti sono complementari: alcuni mariti sono molto bravi a farsi dimenticare dalle mogli.

Hey, mi accorgo solo ora che non ti ho chiesto nulla di tuo figlio! Prima cosa… come mai la scelta del nome Thiago? Hai voluto rendergli la vita difficile? (scherzo eh, non mi uccidere!)

Avevo scritto un post sull’argomento! E’ stato concepito in Messico, in principio doveva chiamarsi Jesus, poi gli abbiamo semplificato la vita chiamandolo Thiago.

La decisione di avere un figlio è stata decisa a tavolino o Thiago è arrivato “per caso”?

Diciamo che è arrivato e noi siamo stati sorpresi e contenti.

Se ti chiedo del parto mi racconti anche tu che è stata una esperienza bellissima?

E’ stata un’esperienza emozionante e molto splatter.

Che cosa è radicalmente cambiato nella tua vita dopo la sua nascita? Che cosa non è più come prima?

Tutto. Prima se volevo fare qualcosa decidevo e basta. Ora viene prima lui, in qualsiasi scelta.

Come sono stati i primi mesi? Dormiva bello sereno o ti ha tenuta insonne? Dimmelo scegliendo  ed eventualmente completando una di queste scene:

A)     Un angelo. Non mi sono quasi accorta della sua presenza. Figurati che lo mettevamo in mezzo a noi, nel lettone, e stava tranquillo, quando mi scalciava in faccia mi chiedeva anche scusa.
B)      Ma sì, dai. Mollami. Ma che te lo dico a fare. Si sa che i primi mesi non si dorme no? Riposavo durante il giorno, quante storie, non la facciamo mica lunga.
C)      Hai presente il diavolo? Aveva scambiato il giorno per la notte. Ho pensato alla Franzoni. Lo so, non è bello, non bisogna nemmeno scherzarci sopra ma… la mancanza di sonno ti fa perdere lucidità. Eppure è andato tutto bene perché è di là che gioca in camera sua…

I primi mesi diciamo molto intensi e dormiva non più di due ore di fila.

Quando ti ho scritto per mail la prima volta ti ho chiesto se potevo mandarti un cacciavite elettrico per farne una recensione sul tuo blog. Ovviamente stavo scherzando ma il riferimento è a tutte quelle email, che immagino riceverai anche tu, da parte di aziende o agenzie di “viral” o “guerrilla marketing” che contattano blogger a destra e sinistra proponendo test di prodotto. Che cosa ne pensi?

Se sono prodotti interessanti perché no, quello che non mi piace sono le mail impersonali, inviate a raffica a tutti. A volte mi propongono cose che non sono nemmeno in linea con il mio blog, questo significa che non l’hanno nemmeno letto!

Sei mesi fa riflettevi sull’idea di avere un altro figlio. Un fratello o sorella per Thiago. Sei arrivata a qualche conclusione? 🙂

Sto ancora pensando.

La rete è piena zeppa di mamme blogger. Come mai ci sono così pochi padri che si raccontano in rete?

Perché non rimangono a casa tutto il giorno ad accudire i figli?

Ci consigli due posti per famiglie dove andare in vacanza quest’estate?

Due posti per famiglie? In Italia la riviera romagnola, all’estero Ibiza.

Allora attenzione: sei a Ibiza. Tuo figlio dorme beato. Il tuo maschio alfa pure. Esci dalla stanza, e fai due passi in riva al mare. Ahia! Cos’è che ha urtato il tuo piede? Sarà mica una lampada di Aladino? Sembrerebbe. Tentar non nuoce quindi, la sfreghi chiedendo al genio di…

La salute per la mia famiglia. Sempre, per tutti e a volontà.

Scrivi anche per ViverSanieBelli. E vero che stai lottando con il direttore responsabile perché vuoi aprire una rubrica chiamata “BraviBimbi” dove rispondi alle domande dei bambini che si lamentano dei loro genitori?

Sarebbe una rubrica molto originale! 🙂

Il sito: http://www.theyummymom.com/