Bravi Bimbi > Primi mesi > Il bagno del bebè: istruzioni per l’uso

Il bagno del bebè: istruzioni per l’uso

Scritto da barbamamma il 20 aprile 2017

bagnetto neonato

Dopo il parto, sarà probabilmente il papà a fare il primo bagno al vostro bimbo.

In seguito, il bebè avrà tutti i giorni bisogno di un bagno, per igiene e per stare meglio. Potete farglielo in qualsiasi momento della giornata. Un consiglio: approfittate di un momento di calma, cercando di evitare gli orari in cui deve mangiare, perché se il bebè ha fame non potrà approfittare del piacere del bagno.

Questo momento privilegiato, ricorderà al vostro piccolo che è cresciuto per alcuni mesi nell’ambiente acquatico intra-uterino.

Per vostra comodità, mettete tutto il materiale necessario a portata di mano e secondo l’ordine di utilizzazione: termometro, guanto, sapone, vestiti puliti, pannolino, ecc…

Durante i primi mesi di vita, si fa in genere il bagno in una piccola vasca di plastica. E’ molto importante controllare ogni volta la temperatura dell’acqua con l’aiuto di un termometro da bagno o con il gomito: deve essere tra i 36° e 37° C. La temperatura della stanza deve essere invece tra i 22° e 23° C.

Mettete il vostro bebè nel fasciatoio (attenzione, non lasciatelo mai solo quando lo posate sul tavolo per cambiarlo!) avendovi previamente steso un grande asciugamano e piegato un altro a fisarmonica nella parte superiore.

Spogliatelo lasciandogli la parte superiore del body.

Aprite il pannolino e ripiegatelo sotto il sederino che voi asciugherete se sporco.

Prendete la temperatura del bebè che deve oscillare tra i 36,5° ed i 37,5° C (attenzione, l’introduzione del termometro provoca spesso una defecazione: abbiate dunque della carta igienica a portata di mano!)

Per prima cosa lavategli il viso ed asciugateglielo.

Insaponate in seguito il guanto da toilette da entrambi i lati.

Sostenete la testa del bebè e lavategli il cuoio capelluto, dietro le orecchie, il collo e la nuca (insaponate bene la testa del bebè: non abbiate timore della fontanella, anche se è una zona fragile!).

In seguito lavate, prima da un lato e poi dall’altro, le mani, gli avambracci, le ascelle ed il torace. Girate poi il vostro bebè su un lato per lavargli la schiena. Lavategli i piedi, le gambe e le pieghe inguinali.

Girate il guanto e con la parte pulita lavate gli organi genitali ed il sederino. Lavate sempre dalla regione genitale in direzione dell’ano.

Sciacquate il bebè tenendolo con la mano sinistra e con la testa poggiata sull’avambraccio. Mettete la vostra mano destra sotto il sederino. Immergete il bebè dolcemente perché si abitui all’acqua.

Tenetelo con la mano sinistra ed asciugategli il cuoio capelluto ed il corpo con la mano destra.

Avvolgete il bebè con un asciugamano asciutto e pulito.

Copritelo rapidamente affinché non prenda freddo ed asciugatelo bene, soprattutto tra le pieghette del corpo.

Quando il bebè è ben asciutto, togliete l’asciugamano umido ed avvolgetelo in quello asciutto.

Mettete il pannolino sotto il sederino e vestitelo con un body o una camicetta, aiutandolo ad infilare la manina.

Completate le cure d’igiene, quindi:

  • il cordone ombelicale: fate come vi hanno mostrato alla maternità, fino alla sua caduta.
  • le orecchie: eliminate le secrezioni eventuali con “sigarette di ovatta” inumidite con del siero fisiologico, cambiando il cotone per l’altro orecchio e senza dimenticare il lobo. Non infilate mai il bastoncino di cotone troppo all’interno dell’orecchio: rischierete di spingere delle impurità verso l’interno e di creare dei tappi.
  • il naso: verificate che il bebè non abbia le narici otturate perché non è capace di respirare con la bocca prima dei tre mesi. Utilizzate pure delle sigarette di ovatta bagnate di siero fisiologico (una per narice) e non dei bastoncini che potrebbero ferirlo.
  • gli occhi: due pezzi di cotone bagnati con del siero fisiologico, uno per ogni occhio. Pulite l’occhio dall’esterno verso l’interno per raccogliere tutte le secrezioni nell’angolo.
  • gli organi genitali: lavate la vulva della vostra bambina aprendola leggermente, e passando del cotone imbevuto di olio di mandorle dolci. Può capitare che il bebè abbia delle perdite bianche: è del tutto normale e non è necessario cercare di togliere tutto.
  • le unghie: tagliate le unghie del vostro bebè soltanto dopo un mese, perché sono molli e morbide e attaccate alla polpa del dito. Se il bebè si graffia con le sue unghie, mettete dei guantini o delle calze alle mani.

Mettete dell’olio di mandorle dolci o della crema idratante sulle regioni cutanee che hanno tendenza ad essere secche. Allo stesso modo, utilizzate una crema protettrice durante il cambio per evitare gli arrossamenti e le irritazioni del sederino.





Info

Articolo (qui trovi il permalink) con categoria «Primi mesi» e tag «, ».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2007-2017 Bravi Bimbi