ma costante, tenuta nel profondo dei cuori di milioni di donne.

Cosa rende l’aborto spontaneo un dolore così difficile? Forse la questione principale è che per tutte gli altri questo tipo di perdita è facile da dimenticare o superare, non essendocene una prova fisicamente evidente. Non si può piangere qualcosa che non è mai esistito, è il pensiero di molte persone relativamente a tale perdita.

Per la donna incinta, però, la perdita è concreta. Praticamente dal giorno del concepimento il suo corpo ha iniziato a essere diverso. I seni erano più gonfi e sensibili. Non c’era più il ciclo mestruale. La vescica era sempre piena e c’era sempre il bisogno di svuotarla. Intorno alla quinta settimana probabilmente aveva le nausee, e a volte stava molto male. La stanchezza travolge il corpo, e la donna incinta non desidera altro che infilarsi sotto le coperte e dormire per tutto il giorno. Mentre tutto ciò accade al corpo di una donna, nessun’altro si rende conto di questi cambiamenti così significativi.

Oltre ai cambiamenti fisici, la donna reagisce alla gravidanza in modo molto forte anche dal punto di vista emotivo, soprattutto se il bambino è stato desiderato e cercato. Spesso le emozioni di una donna sono sottosopra per un po’ dopo che ha scoperto di essere incinta. Sogna ad occhi aperti per ore ogni giorno. Come sarà sentire il bambino calciare nella pancia? Quando nascerà? Sarà maschio o femmina? Di che colore avrà i capelli? Gli piacerà la musica o preferirà lo sport? Una donna crea un legame quasi immediato con il bambino che si sta sviluppando dentro di lei. Si sente fortunata di poter vivere uno dei miracoli della natura, e le sue emozioni sono cariche dell’attesa per ciò che deve venire.

Quando c’è un aborto, il mondo della donna viene immediatamente sconvolto, e l’impatto dell’improvvisa perdita può essere devastante. Tanta felicità annullata così in fretta rende difficile mantenere l’equilibrio nella vita di ogni giorno.

Il corpo torna immediatamente allo stato di non-gravidanza. L’aborto può comportare forti perdite di sangue e coaguli. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per eliminare il contenuto del ventre. La cosa può fare paura, ed essere molto provante dal punto di vista emotivo. I seni non sono più gonfi e sensibili – un triste ricordo della perdita. La nausea sparisce in fretta. E non c’è più la sensazione di vescica piena. Altro ricordo del fatto che il corpo non si sta più preparando ad accogliere il bambino così prezioso.

I sogni ad occhi aperti diventano incubi, notti insonni e infinite lacrime. Spesso la depressione sostituisce la gioia nel cuore della donna. Il futuro sembra vuoto e i giorni non passano. In questo tempo di adattamento alla perdita, è estremamente importante che gli altri capiscano davvero cosa si prova. Perché per loro la gravidanza non era reale, e il dover dimostrare la verità del proprio dolore aggiunge altro dolore. Solo quando i familiari e gli amici vedono l’aborto come reale una madre può iniziare il lungo e difficile viaggio di guarigione da una tale perdita solitaria e incompresa.