vene varicose in gravidanza
In Gravidanza

Vene varicose in gravidanza

“Ma le vene varicose sono permanenti? Mi rimarranno per sempre?”
Non restare inorridita dalla comparsa di sgradevoli vene varicose: nella maggior parte dei casi dopo la gravidanza scompaiono o comunque restano a un grado molto lieve. Putroppo il progesterone ha un’azione sfiancante sulla la parete venosa creando così cun possibile ristagno del sangue, inversione di flusso ed edema nei distretti interessati (si parla di edema in caso di un versamento di un liquido simile a siero nell’interno dei tessuti).

Il problema delle vene varicose può essere risolto con la scleroterapia, che consiste nell’iniettare una sostanza chimica nelle vene che le fa contrarre e chiudere in modo permanente. Bisogna tenere bendate le gambe per qualche settimana e i risultati di questa terapia sono buoni, ma è consigliabile non farla prima di avere la famiglia al completo perchè ogni volta che sei incinta possono manifestarsi vene varicose. Solo nei casi più gravi è necessaria l’asportazione chirurgica.
Durante la gestazione è consigliabile non stare troppo in piedi, fare del movimento, non prendere troppo peso.

 

Vene varicosi vulvari
Talvolta le vene varicose compaiono anche nelle labbra interne della vulva, anche se più spesso sono interessate le labbra esterne (e di solito una sola delle due). Le labbra si gonfiano e procurano una sensazione di pesantezza e affaticamento. Le vene varicose sono di color rosso scuro e superficiali, dato che la pelle è molto più sottile.
Consigli? Per le vene varicosi vulvari può essere utile indossare un assorbente grande e slip aderenti che non comprimano le gambe, in modo da provocare una pressione esterna sui vasi sanguigni. Quando sei seduta il sangue defluisce dalle vene delle labbra, riducendo la tensione e dando meno fastidio.
Anche stare sdraiata per riposarsi regolarmente e dei getti d’acqua fredda danno un sollievo temporaneo in caso di dolore lancinante o prurito.