di volta in volta, e spesso aumenta poco prima del ciclo. Le perdite normali sono chiare, bianche o color panna, e potrebbero odorare vagamente di muschio, ma non hanno mai un cattivo odore.

Molte donne notano che queste perdite aumentano durante la gravidanza – questo è normale e avviene per varie ragioni. In gravidanza la cervice (collo dell’utero) e le pareti vaginali si ammorbidiscono, di conseguenza le perdite aumentano per aiutare a prevenire le infezioni che viaggiano dalla vagina all’utero.

Verso la fine della gravidanza, la testa del bambino preme sulla cervice, e può provocare altre perdite che, a volte, possono essere molto pesanti – dandoti a volte l’impressione di aver urinato senza accorgertene.

Nell’ultima settimana di gravidanza, le perdite possono contenere tracce di muco molto spesso e anche un po’ di sangue. Questo avviene quando si stacca il tappo mucoso (una “pallina” di muco denso che sigilla l’utero durante la gravidanza). E’ il segnale che il corpo si preparara a partorire, e queste perdite, in forma più ridotta, possono presentasi anche nei giorni successivi.

Un aumento di perdite è normale in gravidanza, ma è importante controllarle e avvisare il medico se sembrano maleodoranti o hanno un colore strano, se senti dolore, prurito o gonfiore nella zona vaginale. Potresti avere un’infezione, come ad esempio la candida, che si può curare facilmente.

Se hai invece perdite di sangue, contatta subito il medico. Molte donne perdono un po’ di sangue durante la gravidanza, e normalmente non c’è nulla di cui preoccuparsi. Tuttavia a volte può indicare un problema più grave come un aborto o qualche disturbo alla placenta.