rh sangueAll’inizio della gravidanza controlleranno il sangue per conoscere il gruppo sanguigno e l’Rh – vale a dire se possiedi il fattore Rh (Rhesus), una proteina che la maggior parte delle persone possiede sulla superficie dei globuli rossi. Se è così, come per gran parte delle persone, il tuo sangue è Rh positivo. (Circa l’85% degli occidentali è Rh-positivo, così come il 90-95% degli afroamericani e il 98-99% degli asiatici.) Se non possiedi questa proteina, il tuo sangue è Rh-negativo, e dovrai prendere alcune precauzioni in gravidanza.

Se sei Rh-negativa, ci sono buone probabilità che il tuo sangue sia incompatibile con quello del bambino, che probabilmente sarà Rh-positivo. Forse non lo saprai con certezza fino alla nascita, ma in molti casi dovrai presumerlo, giusto per essere più sicuri.
Essere Rh-incompatibili non danneggerà né te né il bambino durante la gravidanza, se si tratta del primo figlio. Ma se il sangue del bambino si riversa nel tuo (può succedere a volte in gravidanza e durante il parto), il tuo sistema immunitario comincerà a produrre degli anticorpi contro questo sangue Rh-positivo. In questo caso, diventerai sensibile all’Rh – e la prossima volta che sei incinta di un bambino Rh-positivo, questi anticorpi potrebbero attaccare il suo sangue. Fortunatamente puoi evitare tutto questo con un’iniezione di immunoglobuline Rh nel momento in cui c’è la possibilità che il tuo sangue sia entrato in contatto con quello del bambino.

Se sei Rh-negativa e hai già avuto una gravidanza ma non ti hanno fatto questa iniezione, un nuovo esame del sangue ti dirà se hai già sviluppato gli anticorpi che attaccano il sangue Rh-positivo. (Potresti averli anche se hai perso il bambino, hai avuto un aborto o una gravidanza ectopica.) Se hai gli anticorpi, è troppo tardi per fare l’iniezione, e se tuo figlio è Rh-positivo, è probabile che avrà dei problemi. Se non hai gli anticorpi, l’iniezione impedirà al tuo corpo di svilupparli.

Quali sono le possibilità che io e mio figlio siamo Rh-incompatibili?

Se il padre del bambino è Rh-positivo — come gran parte delle persone – hai circa il 70% di possibilità che il bambino sia positivo. Se sei Rh-negativa, è probabile che siate incompatibili. E infatti il medico ipotizzerà che lo siate, giusto per stare tranquilli. L’iniezione di immunoglobuline Rh non è pericolosa, anche se non necessaria.

Ovviamente, se anche il padre del bambino è Rh-negativo, allora lo sarà anche vostro figlio e non avrai bisogno dell’iniezione. Ma se il padre è positivo (o se non lo sai), non conoscerai l’Rh di tuo figlio fino alla nascita, a meno che tu non faccia una amniocentesi, un test che esamina le cellule del feto dal liquido amniotico in cui vive all’interno dell’utero.
D’altro canto, se sei Rh-positiva e il padre è Rh-negativo, il bambino potrebbe essere Rh-negativo. Fortunatamente, non c’è da preoccuparsi, perché è estremamente raro che tuo figlio sia esposto al tuo sangue e sviluppi gli anticorpi. Di solito avviene il contrario.

Come può il sangue del bambino entrare nel mio?

Normalmente, in gravidanza, il sangue del bambino si separa dal tuo e solo pochissime cellule attraversano la placenta. Infatti, il tuo sangue difficilmente si mescola in modo significativo fino al momento della nascita. Ecco perché l’incompatibilità non è un problema nel primo figlio: se il tuo sangue non si mescola fino al travaglio, il bambino nascerà prima che il tuo sistema immunitario abbia la possibilità di produrre anticorpi sufficienti a creare qualche problema.

Tuttavia, dovrai fare l’iniezione subito dopo il parto se il bambino risulta Rh-positivo. Se sei stata esposta al suo sangue, l’iniezione impedirà al tuo corpo di formare gli anticorpi che attaccherebbero il sangue Rh-positivo del bambino in una successiva gravidanza. (Al momento del parto preleveranno un campione di sangue dal tallone del bambino o dal suo cordone ombelicale, e lo testeranno per vedere varie cose, incluso il fattore Rh.) Senza trattamento, c’è il 15% di possibilità che tu produca gli anticorpi; con la cura, la possibilità è quasi dello 0%.

Poiché una piccola percentuale (circa il 2%) di donne Rh-negative sviluppa gli anticorpi durante il terzo trimestre, dovrai fare un’iniezione anche alla 28a settimana, che ti copra fino al parto. E dovrai fare un’iniezione ogni volta che il sangue del bambino rischia di mescolarsi con il tuo, come per esempio:

 

  • Se hai un aborto spontaneo
  • Se abortisci volontariamente
  • Se hai una gravidanza ectopica
  • Se hai una gravidanza molare
  • Dopo una procedura invasiva, come l’amniocentesi o il prelievo di villi coriali
  • Se il bambino nasce morto
  • Se subisci una versione cefalica esterna
  • Se hai subito traumi all’addome durante la gravidanza
  • Se hai un’emorragia vaginale

Se ti ritrovi in una di queste situazioni, ricorda al medico che sei Rh-negativa e assicurati che ti faccia l’iniezione entro 72 ore.


Come fa l’iniezione a impedirmi di sviluppare gli anticorpi?

L’iniezione di immunoglobuline Rh consiste in una piccola dose di anticorpi, raccolti da donatori, che uccidono tutte le cellule di sangue Rh-positivo nel tuo sistema e attivano il tuo sistema nervoso a sviluppare i propri anticorpi. Gli anticorpi donati sono proprio come i tuoi, ma la dose non è così grande da provocare danni al bambino.

E’ la cosiddetta immunizzazione passiva. Perché funzioni, devi farla entro 72 ore dalla possibile esposizione al sangue del bambino. La protezione durerà per 12 settimane. Se il medico sospetta che la quantità di sangue del bambino entrata in contatto con il tuo sua superiore a 30g (se per esempio hai avuto un incidente), potresti aver bisogno di un’altra iniezione.

L’iniezione sarà fatta nel muscolo del braccio o nei glutei. Potrebbe essere un po’ dolorosa e provocare un po’ di febbre. Non vi sono altri effetti collaterali conosciuti. L’iniezione è sicura sia che il bambino sia Rh-positivo che negativo.

Cosa succede al mio bambino se sviluppo gli anticorpi?

Per prima cosa, ricordati che è molto improbabile se ricevi adeguate cure prenatali e sei curata con l’immunoglobulina Rh quando necessario. Anche senza cura, le possibilità di sviluppare gli anticorpi sono solo il 50%, anche dopo molte gravidanze incompatibili.

Se non ti fanno la puntura e sviluppi gli anticorpi e il bambino era Rh-positivo, probabilmente svilupperà una malattia emolitica. I tuoi anticorpi attraverseranno la placenta e attaccheranno il fattore Rh del sangue del bambino come fosse una sostanza estranea, distruggendone i globuli rossi e provocando quindi un’anemia. La malattia può causare problemi che vanno da una grave itterizia neonatale a danni cerebrali o, in casi estremi, anche ad un aborto spontaneo o alla nascita del bambino morto.
Una volta sensibilizzata, avrai gli anticorpi per sempre. E ne produrrai di più ad ogni gravidanza, quindi il rischio della malattia emolitica peggiora con ogni figlio. Benché i medici cerchino di verificare e curare tutte le pazienti, negli Stati Uniti nascono ogni anno circa 5.000 bambini con questa malattia emolitica.

La cosa positiva è che i medici stanno individuando nuovi modi per salvare i bambini che sviluppano questa malattia. Il medico può monitorare il livello dei tuoi anticorpi e le condizioni del bambino durante la gravidanza, per vedere se sta sviluppando la malattia. Potrebbe controllare lo stato dei suoi globuli rossi usando un’ecografia Doppler o una amniocentesi.

Se il bambino sta bene, potresti riuscire a portare a termine la gravidanza senza complicazioni. Dopo il parto, potrebbe farti una trasfusione di scambio per sostituire i suoi globuli rossi malati con cellule Rh-negative sane. Questo stabilizza il livello di globuli rossi e minimizza ulteriori danni causati dagli anticorpi che ormai circolano nel suo sangue. Col tempo queste cellule Rh-negative moriranno e i suoi globuli rossi saranno di nuovo Rh-positivi, ma per quel momento gli anticorpi se ne saranno già andati.

Se il bambino non sta bene, potresti doverlo partorire prima, o potrebbe aver bisogno di una trasfusione attraverso il cordone ombelicale. Il tasso di sopravvivenza di bambini che ricevono una trasfusione nell’utero varia dall’80 al 100%, a meno che non soffrano di idropisia (una complicazione causata da una grave anemia), nel cui caso le probabilità di sopravvivere vanno dal 40 al 70%.