News bimbi

L’asilo migliore

Reggio Approach

A Reggio Emilia ci sono gli asili migliori, più innovativi, quelli che visitano migliaia di insegnanti e pedagogi da tutta Europa e dagli Stati Uniti per studiare l’approccio educativo ideato negli anni Sessanta dallo psicologo Loris Malaguzzi.
Dal 1994 a oggi, quasi 20mila tra insegnanti e studiosi provenienti da 95 Paesi hanno raggiunto il cuore dell’Emilia per studiare il ”Reggio Approach”.
Secondo questo metodo, l’educazione deve essere una continua ricerca. Il suo principio guida è: mettere al centro di tutto il bambino e trattarlo come un soggetto attivo e pensante. Come un ”piccolo adulto”.
Negli asili non c’è l’insegnante che decide il programma della giornata: molte attività sono pensate dalle maestre insieme ai bambini. L’importante non è tanto il risultato di ciò che fanno i piccoli, ma il modo in cui lo raggiungono. Possono dare libero sfogo alle mani, all’inventiva, alle emozioni in piena libertà.
In ogni angolo c’è un piccolo atelier o laboratorio, con cassette della posta personalizzate in cui lasciare messaggini e disegni per l’amichetto del cuore, frutta di stagione, macchinine e colori, strumenti musicali, tele e barattoli. I bambini lavorano in piccoli gruppi, ragionano, inventano dando libero sfogo alla fantasia i aula o nel giardino. Gli insegnanti ascoltano, osservano e documentano tutto in un libro fotografico con le tappe più importanti dei piccoli.
Non c’è una formula da seguire o regole da rispettare: l’approccio si trasforma a contatto con il bambino. É una ricerca non sul piccolo, ma con lui.
Il comune di Reggio investe molto sul progetto: 20 milioni più altri 7,5 per il 2008.
E sono tutti soddisfatti: genitori, insegnanti e bambini.

Ce ne vorrebbero di più così!