Durante i primi mesi, i neonati non hanno bisogno di molti giocattoli a parte qualche sonaglio o un paio di peluche.

Con il passare dei mesi però ti accorgerai che nella sua cameretta e sparsi in giro per casa se ne stanno accumulando sempre di più.

Non c’è bisogno di acquistare costosi giocattoli a batteria, soprattutto per i bimbi di età inferiore a tre anni. Sono da preferire invece quelli che il bambino può impilare e assemblare o con cui può interagire in un modo o nell’altro. Evita quelli che si limitano a fare qualcosa mentre il piccino li guarda. Incoraggialo a impegnarsi attivamente e a non essere un osservatore passivo. I piccoli sono degli grandi esploratori nati! Dei piccoli Indiana Jones! (e, attenzione, perchè spesso non conoscono esattamente il significato della parola “limite”).

Scegli giocattoli robusti di legno anzichè i modelli di plastica disponibili in tutti i negozi moderni. Lo so, possono sembrare più da sfigati e probabilmente saranno meno colorati ma… per un bambino non c’è niente di meglio. A quell’età non reclamerà mai qualcosa di diverso. Per lui è importante scoprire, giocare e divertirsi. E tu faglielo fare in modo intelligente.

Ricorda poi che il bambino è in un periodo sensitivo in cui registra impressioni sensoriali. I giocattoli di plastica sono più o meno indistruttibili e relativamente economici, ma i bambini non li amano tanto quanto quelli di legno e tendono a trattarli con maggiore negligenza.

Uno dei nostri obiettivi è insegnar loro l’amore per le cose belle sin dalla più tenera età, coltivando al tempo stesso il loro senso dell’ordine (il loro, non il tuo eh! 😉 ). Anzichè usare una scatola, riponete ordinatamente i giocattoli su alcune mensole. E’ difficilissimo, è vero, ma provateci. Se un giocattolo è formato da tante piccole parti, conservatele tutte insieme in un cestino.

E… ricorda: non c’è gioco più bello per un bambino che la tua persona. Condividi del tempo con lui. Se vuoi qualche spunto… eccoti 6 giochi da fare in casa